Vai al contenuto
Home » idee per la lotta

idee per la lotta

Per:

Materia: Cerca idee.

Gentili signore/signori.

Nel 2007 mi sono unito alla lotta pubblica dei disabili in Israele. A partire dal 10 luglio 2018, lo sto facendo come parte del movimento “nitgaber”: i disabili trasparenti.

Tuttavia, anche oggi (scrivo queste parole il 3 settembre 2022) la lotta è ancora bloccata – tanti passi sono stati fatti, che hanno incluso, tra l’altro, manifestazioni, appelli alla stampa e molti membri della knesset (ISRAELE parlamento), e altri non hanno aiutato, e la situazione della popolazione disabile nello Stato di Israele è ancora molto difficile e molti di noi sono costretti a fare la scelta impossibile tra l’acquisto di generi alimentari di base e l’acquisto di medicinali o attrezzature mediche essenziali).

Pertanto, chiederemo ulteriori idee per continuare a promuovere la lotta.

Tutte le idee sono benvenute.

Saluti,

Assaf Benyamini.

post scriptum. 1) Il mio numero ID: 029547403.

2) i miei indirizzi email: 029547403@walla.co.ilo:asb783a@gmail.como:assaf197254@yahoo.co.ilo:ass.benyamini@yandex.como:assaf002@mail2world.como:assafbenyamini@hotmail.como:assaffff@protonmail.como:beniamini@vk.comoppure: assafbenyamini@163.com

3)Di seguito sono riportate alcune parole esplicative sul movimento sociale a cui ho aderito il 10 luglio 2018, come sono apparse sulla stampa:

Tatyana Kaduchkin, cittadina comune dello Stato di Israele, ha deciso di fondare il movimento ‘nitgaber’ per aiutare coloro che lei chiama i loro ‘disabili trasparenti’. Finora, circa 500 persone provenienti da tutto lo Stato di ISRAELE si sono unite al suo movimento. In un’intervista alle emittenti di Canale 7, parla del progetto e di quei disabili che non ricevono un’assistenza adeguata e sufficiente dalle agenzie competenti, semplicemente perché trasparenti.

Secondo lei, la popolazione disabile può essere divisa in due gruppi: disabile con sedia a rotelle e disabile senza sedia a rotelle. Definisce il secondo gruppo come “disabili trasparenti” perché, secondo lei, non ricevono gli stessi servizi dei disabili in sedia a rotelle, anche se sono definiti con una disabilità del 75-100 per cento.

Queste persone, spiega, non possono guadagnarsi da vivere da sole e hanno bisogno dell’aiuto dei servizi aggiuntivi a cui hanno diritto le persone disabili con sedia a rotelle. Ad esempio, i disabili trasparenti percepiscono un’indennità di invalidità ridotta dall’Assicurazione nazionale, non percepiscono alcuni supplementi come l’indennità per servizi speciali, l’indennità di accompagnamento, l’indennità di mobilità e ricevono anche un’indennità inferiore dal Ministero dell’Abitazione.

Secondo la ricerca condotta da Kaduchkin, questi disabili trasparenti hanno fame di pane nonostante il tentativo di affermare che nell’Israele del 2016 non ci sono persone affamate di pane. La ricerca che ha condotto afferma anche che il tasso di suicidi tra loro è alto. Nel movimento da lei fondato, lavora per inserire i disabili trasparenti nelle liste di attesa per l’edilizia popolare. Questo perché, secondo lei, di solito non entrano in queste liste anche se dovrebbero essere ammissibili. Tiene parecchi incontri con membri della Knesset e partecipa anche a riunioni e discussioni di commissioni competenti della Knesset, ma secondo lei coloro che possono aiutare non ascoltano e coloro che ascoltano sono all’opposizione e quindi non possono aiuto.

Ora invita sempre più persone disabili “trasparenti” ad unirsi a lei, a contattarla affinché possa aiutarle. A suo avviso, se la situazione continua come è oggi, non ci sarà scampo da una manifestazione di persone disabili che reclameranno i loro diritti e le condizioni di base per il loro sostentamento.

4) Di seguito sono riportati i dettagli di contatto della responsabile del movimento, la signora Tatyana Kaduchkin:

I suoi numeri di telefono:

972-52-3708001. e: 972-3-5346644.

I suoi orari di risposta al telefono sono dalla domenica al giovedì (incluso) dalle 11:00 alle 20:00 – dalle undici del mattino alle otto di sera secondo l’ora di ISRAELE, fatta eccezione per le festività ebraiche e le varie festività israeliane.

5) Di seguito è riportato l’inizio di una lettera, che ho inviato in vari luoghi:

Per:

Materia: costruzione del sistema.

Gentili signore/signori.

Sono interessato ad ordinare ai programmatori il seguente servizio: creazione di un sistema di TTS-TEXT TO SPEECH

Nelle lingue armena, bielorussa, turkmena, kirghisa, yiddish e basca – lingue che non sono nei sistemi di TTS che uso oggi (play.ht, voicemaker.in e aivoov.com) – ma sono sul mio blog disabilità5.com

È davvero possibile uno sviluppo del genere? E se sì, quanto tempo ci vuole e quali sono i costi finanziari richiesti?

Devo sottolineare che non sono né un informatico né un programmatore, quindi non ho modo di controllare le cose.

Saluti,

Assaf Benyamini.

6) Di seguito la mia corrispondenza con il gruppo Facebook “Coming to the professors”:

Per: “באים אל הפרופסורים.היסטוריה וארכיאולוגיה

Sono un cittadino israeliano, attivo nella lotta per le popolazioni di disabili nell’ambito della quale mi rivolgo anche a organismi internazionali al di fuori dello Stato di ISRAELE. Tra le altre cose, mi sono rivolto anche a persone dall’Armenia.

Come sapete, circa due anni e mezzo fa ci fu una guerra tra Armenia e Azerbaigian per le aree di influenza nella regione del Nagorno-Karabakh e, secondo quanto ho sentito al telegiornale, Israele non era neutrale in questo conflitto e si identificava con la parte azera.

Pertanto, mi aspettavo che quando ho avvicinato persone dall’Armenia, come cittadino israeliano (e mi sono presentato come tale) l’atteggiamento nei miei confronti sarebbe stato pessimo.

Con mia grande sorpresa, ho ricevuto da tutte le persone dall’Armenia con cui ero in contatto via Internet, e senza eccezioni, un atteggiamento molto rispettoso, e persone che hanno cercato di aiutare anche molto più delle persone di qualsiasi altro paese.

Naturalmente, questa è una piacevole sorpresa per me – tuttavia, come persona che non sa nulla della cultura armena o azera, presumo che ci siano tutti i tipi di cose qui che non so nemmeno.

Allora dove sono i miei errori? Quello che non capisco?

Vorrei sottolineare che non sto ponendo questa domanda come una sfida di alcun tipo: sono semplicemente interessato a sapere quali sono le spiegazioni per ciò che ho descritto.

Saluti,

Asaf Benjamin.

David Cohen

Mi chiedo quale sia il collegamento tra la lotta dei disabili in ISRAELE e la diffamazione dello Stato di ISRAELE?

Gli armeni commisero un massacro con le poiane.

Gli armeni sono sempre stati diffidenti nei confronti dell’onore di ISRAELE e cercano di competere con esso per raggiungere lo status che gli ebrei sono riusciti a dare all’Olocausto, da qui il loro rispetto per noi e anche la loro invidia.

ISRAELE non ha preso parte attiva alla guerra, ha firmato accordi per vendere armi agli azeri che sono nostri amici, a differenza degli armeni.

In qualsiasi paese del terzo mondo sarebbero molto felici di ricevere le indennità che i nostri disabili ricevono qui in ISRAELE e le condizioni di vita, quindi a mio avviso è uno scherzo e una presa in giro per Resh rivolgersi a cittadini che guadagnano al massimo 400 dollari un mese e ricevere assistenza da loro nella lotta quando l’indennità di invalidità che ricevono in Israele è molte volte di più e anche il sogno di una persona di questo status l’intermedio di questi paesi.

 

David Cohen

Non ho affermato che ci sia alcun collegamento tra la lotta dei disabili in ISRAELE e l’atteggiamento degli armeni nei confronti della nazione

Ho appena sollevato una domanda come qualcuno che non sa nulla della cultura armena. Mi scuso con te per aver sollevato la domanda – davvero non sapevo che secondo il tuo metodo è vietato porre domande sull’argomento. Inoltre, qui non c’è alcun tentativo di calunniare lo Stato di ISRAELE – questa è una tua invenzione. Chiarirò inoltre che non ho contattato direttamente i cittadini armeni in merito alla richiesta di eventuali donazioni finanziarie – le richieste erano su argomenti completamente diversi, principalmente attraverso siti web di liberi professionisti comefivver.com. Sono d’accordo con te sul fatto che la situazione dei disabili in ISRAELE è incommensurabilmente migliore della situazione dei disabili in un paese come l’Armenia. Ed è possibile andare molto oltre: società primitive in cui coloro che non lavorano in un duro lavoro fisico o combattono in guerre non hanno possibilità di sopravvivenza – e ovviamente in queste società non c’è nulla di cui parlare di diritti per i disabili, gli anziani o qualsiasi tipo di trattamento medico che semplicemente non esiste – o è accessibile solo a uno strato della popolazione Una visione molto limitata del re e dei suoi immediati dintorni – ti interessa che questo sia per noi nello Stato di ISRAELE il modello per confronto? E qual è la conclusione? quel disagio sociale è sempre, come molte altre cose nella nostra vita, una cosa relativa piuttosto che assoluta. Come persona disabile nello Stato di ISRAELE, il confronto che faccio è tra ciò che lo Stato di ISRAELE può dare senza alcun problema al nostro pubblico e renderlo più facile per loro – e la catena di fallimenti del governo che fanno sì che la popolazione disabile riceva molto meno del minimo necessario per vivere con dignità qui in Israele – e non altrove. Il confronto tra la situazione dei disabili nello Stato di ISRAELE e la situazione dei disabili nei paesi poveri (e anche quelli in una situazione molto peggiore dell’Armenia) non costituisce la base delle pretese dei disabili nei confronti dello Stato di ISRAELE . Non ho dubbi che nei paesi del terzo mondo possono benissimo esserci situazioni in cui se tu o io siamo feriti,

 

David Cohen

Assaf Benyamini

Riguardo al trattamento riservato agli armeni, ti ho semplicemente scritto perché trattano gli ISRAELE in modo rispettoso nonostante la guerra.

Ovviamente puoi fare qualsiasi domanda tu voglia… liberamente.

Ancora non capisco quale sia il legame tra i cittadini di un paese del terzo mondo e la situazione dei disabili in Israele.

Non solo non ho confrontato le persone disabili in Israele con le persone disabili in Armenia, ma ho confrontato la situazione delle persone sane con la situazione delle persone disabili in ISRAELE: è meglio essere disabili in ISRAELE che un normale cittadino in Armenia.

mi chiedo ancora:

Perché portare la lotta dei disabili nelle relazioni internazionali?

Non è questa diffamazione di ISRAELE nel modo più strano e inutile possibile?

Rivolgersi a un popolo sofferente e sventolare davanti ai loro occhi con richieste che per loro sono un sogno? A cosa serve? E cosa hanno a che fare con i disabili?

E ancora: chiedi cosa vuoi e fai quello che vuoi, mi chiedo solo la logica e ha un tale impatto sulla reputazione dello Stato di ISRAELE?

 

comesaf benyaminio

autore

 

David Cohen

Chiarirò (di nuovo) che non c’è alcun tentativo di calunniare lo Stato di ISRAELE, e la migliore prova di ciò è: scrivo ancora qui su Facebook, e sono a casa e non in detenzione nei sotterranei della Sicurezza Generale Servizio, dove sarei stato mandato se avessi fatto davvero una cosa del genere… E non faccio alcuna richiesta davanti a loro: ho semplicemente contattato quelle persone dall’Armenia tramite siti Web di freelance – e ho anche pagato loro l’intero pagamento per i compiti per i quali anche i liberi professionisti di qualsiasi altro paese riceverebbero il pagamento integrale. Nella mia corrispondenza con loro ho cercato molto di parlare ad altezza d’uomo – e includeva solo cose che erano tecnicamente e direttamente correlate al compito per il quale erano anche collegati agli stessi siti Web – e nient’altro. Come sai, questi siti sono aperti per la registrazione a persone provenienti da paesi di tutto il mondo. Penso (e questa è ovviamente la mia opinione personale – e nient’altro che quella) che noi in ISRAELE siamo colpevoli di una terribile ingiustizia morale commessa sotto il titolo apparentemente innocente di “esportazioni di sicurezza” – nell’ambito della quale le armi prodotte nel Lo Stato di Israele viene venduto per motivi di avidità solo a regimi o organizzazioni dubbie che commettono atti di omicidio di massa, ma ovviamente l’Israele medio sarà sempre molto più a suo agio nel dire cose come “non è direttamente correlato a me” o “non lo faccio”. t decidere su quello” o “Non dipende da me” e altre affermazioni che possono farci sentire meglio con noi stessi – dopotutto, chi sarebbe davvero disposto ad ammettere che un’arma venduta dal proprio paese viene utilizzata per commettere crimini così terribili? E lei chiede perché portare la lotta pubblica dei disabili in ISRAELE nel campo delle relazioni internazionali? Beh, lo faccio per scelta. Mi sono unito alla lotta dei disabili in ISRAELE nel 2007, cioè 15 anni fa. Negli anni, io e tanti altri disabili abbiamo cercato di combattere le terribili ingiustizie per cui tanti disabili hanno già trovato la morte per strada in tutti i modi possibili, e non solo nelle manifestazioni: innumerevoli appelli e incontri con esponenti della Knesset (Il parlamento ISRAELE), fa appello alla stampa oa ogni possibile settore all’interno dello Stato ISRAELE. Dopo essere stato maltrattato e mentito così tante volte, io personalmente (e io’ Sto solo scrivendo qui come stanno le cose dal mio punto di vista – e ovviamente per altri le cose possono sembrare diverse) Ho perso completamente la fiducia nelle varie autorità statali. Come ultima risorsa della disperazione, mi rivolgo a molte organizzazioni internazionali (e siccome mi rivolgo spesso a lingue che non conosco affatto, e a questo scopo utilizzo le traduzioni che ho ottenuto dalle società di traduzione, quindi in molti casi mi inviare richieste a organizzazioni o individui senza sapere affatto quale sia la loro identità). Gli appelli alle parti al di fuori dello Stato di ISRAELE hanno due obiettivi: un tentativo di realizzare una cooperazione di un tipo o dell’altro tra le organizzazioni dei disabili nello Stato di ISRAELE e le organizzazioni dei disabili di altri luoghi, così come un tentativo di sollecitare pressioni dall’esterno sui decisori nello Stato di ISRAELE in modo che inizino a prendersi cura delle nostre difficoltà un po’ più seriamente. Vuoi vedere questo come diffamazione dello Stato di ISRAELE? Quindi sai una cosa: in questa materia accetto la colpa su me stesso – come ho spiegato non mi è rimasta altra scelta o possibilità. Ad oggi, c’è una lunga lista di questioni in cui non viene offerta alcuna soluzione – quindi puoi continuare a argomentare contro di me che sto diffamando lo Stato di ISRAELE – e allo stesso tempo ti assicuro che l’atteggiamento sprezzante di molte, molte autorità nello Stato di ISRAELE in così tanti casi garantiscono effettivamente che sarò costretto a continuare in questo per mancanza di scelta. Lo Stato di ISRAELE inizierà davvero a prendersi sul serio, e non solo dirlo e continuare a mentire? In tal caso sarei molto felice di fermare la lotta e di non inviare nemmeno un’altra lettera. Tuttavia, nel frattempo, non vediamo alcun cambio di direzione in questa materia – e il proseguimento della politica a lungo termine di negligenza e disprezzo significa che non c’è possibilità per nient’altro. Quindi vuoi chiamare anche questa diffamazione dello Stato di ISRAELE? Quindi hai tutto il diritto di pensare in questo modo su coloro che lo fanno per scelta – non ne discuterò. Cordiali saluti, Assaf Benyamini. Quindi vuoi chiamare anche questa diffamazione dello Stato di ISRAELE? Quindi hai tutto il diritto di pensare in questo modo su coloro che lo fanno per scelta – non ne discuterò. Cordiali saluti, Assaf Benyamini. Quindi vuoi chiamare anche questa diffamazione dello Stato di ISRAELE? Quindi hai tutto il diritto di pensare in questo modo su coloro che lo fanno per scelta – non ne discuterò. Cordiali saluti, Assaf Benyamini.

 

David Cohen

comesaf Benyaminio

Anche se calunniate gravemente Israele, non vi metteranno in prigione. democrazia…

E non ti giudico per il tuo dolore e non ti giudico per la tua sofferenza.

Fai quello che pensi ti farà avanzare.

Vi assicuro che nessuna pressione internazionale farà sì che lo Stato di ISRAELE dia più soldi ai disabili pubblici, è una questione interna dello Stato e lo Stato dà somme ragionevoli ai disabili rispetto ad altri paesi occidentali, quindi è ridicolo pensare che interverrà qualcuno e sicuramente organizzazioni o persone di paesi del terzo mondo.

Sono d’accordo che davvero non basta e che è possibile e necessario dare di più (e c’è qualcuno da cui prendere) – ma come detto: nessuna pressione esterna aiuterà – e sì, è una forma di diffamazione dello Stato di ISRAELE.

Lo Stato di ISRAELE è in un luogo in cui tutti i suoi nemici cercano modi per classificarlo e, fortunatamente per noi, la maggior parte dei nostri nemici sarebbe felice di vivere qui e accettare le condizioni che i nostri disabili ricevono qui.

Buona salute a te

 

David Cohen

Hai ragione. Come ho spiegato, noi disabili non abbiamo altra scelta.

 

Lior Pasternak

Dalla mia esperienza con gli armeni sia in America che in Giappone, hanno rispetto per gli ebrei in “modo realistico, pesante e sospettoso”, e questo deriva dal cristianesimo che è praticato in Asia centrale rispetto al cristianesimo occidentale.

Ho notato che difficilmente dicono “Gesù Cristo” a differenza degli americani, e in generale sono chiusi e distanti, ho capito che questa è la loro cultura, non parlare e connettersi con persone che non sono la loro. In questo modo se hanno detto una parola gentile è educato.

comesaf benyaminio .

autore

Lior Pasternak

grazie per la risposta. Comunque sembra interessante.

 

Bruria Ginton-Lavanda

Lior Pasternak

Wow, la mia esperienza in Nord America è un po’ diversa: vivo e vedo vicinanza e fratellanza, compresi i matrimoni tra ebrei e armeni. Molti ebrei, tra l’altro, dicono anche “Gesù Cristo” o “Suite Gesù”, senza alcuna intenzione o accusa religiosa, così come molti dicono “Dio potente”, “Signore del mondo”, ecc. Con e senza intenzione religiosa , ma per un’abitudine che non intende nuocere, ma esprimere shock/stupore, o battute spiritose.

Non è difficile capire che gli azeri dell’Iran, come gli altri popoli non persiani dell’Iran, possono aiutare se stessi e il Medio Oriente a tornare ai giorni precedenti la rivoluzione sciita. Sarebbe bene, se possibile, trovare una via diplomatica per mantenere relazioni fraterne anche con gli armeni, non solo perché Charles Ezenborian (Ezenbor) compì la più toccante “Haidisher Maman”, ma perché anche loro subirono un grave olocausto “a causa di ” alla religione della schiavitù (in Turchia).

7) Di seguito il post che ho pubblicato sul social network Facebook sul comportamento del network Shufersal nei miei confronti (farò notare che i numeri di telefono in cui non c’era risposta dalla rete sono: 972-1-800-56-56 -56 e: 972-3-9481515).

 

Oggi, venerdì 2 settembre 2022, ho ricevuto una consegna a casa mia da Shufersal-Spedizione, che comprendeva anche Yedioth Ahronoth ngiornale. Come sapete, un giornale del sabato Yedioth Ahronoth costa circa 20 NIS e include, oltre alla sua parte principale, supplementi.

Tuttavia, per ragioni sconosciute, la catena Shufersal ha deciso di consegnare solo la parte principale del giornale senza i supplementi.

Credo che quando un cliente ordina un prodotto e lo paga, dovrebbe ricevere lo stesso prodotto nella sua interezza, e non solo una parte di esso. È una questione di principio.

Inoltre: quando provo a stabilire un contatto telefonico con la rete Shufersal per chiarire la questione, nessuno risponde al telefono e le chiamate vengono immediatamente disconnesse una dopo l’altra.

Credo che questo non sia un modo corretto di comportarsi.

Saluti,

Assaf Benyamin,

Via Costarica 115,

Ingresso A-appartamento 4,

Kiryat Menachem,

Gerusalemme

ISRAELE, CAP: 9662592.

i miei numeri di telefono: a casa-972-2-6427757.

Cellulare-972-58-6784040. Fax-972-77-2700076.

8)Prendo atto che parlo ebraico e la mia conoscenza di altre lingue è molto limitata. Fatta eccezione per un livello medio-basso di inglese e un livello molto basso di francese, non ho ulteriori conoscenze in questo campo.

Mi sono avvalsa dell’aiuto di un’agenzia di traduzioni professionale per scrivere questa lettera.

9) Di seguito alcuni link, attraverso i quali potete trovare maggiori informazioni su di me e sulla lotta dei disabili in Israele a cui partecipo:

 

 https://www.facebook.com/profile.php?id=100066013470424

https://twitter.com/AssafBenyamini

https://www.webtalk.co/assaf.benyamini

https://anchor.fm/assaf-benyamini

https://open.spotify.com/show/4KKwFBQBwwapfWMb1tvdEw

https://vk.com/id384940173

www.tiktok.com/@assafbenyamini

 https://disability5.com/

https://www.youtube.com/channel/UCX17EMVKfwYLVJNQN9Qlzrg

 https://www.4shared.com/folder/oOyYCabv/_online.html

https://sites.google.com/view/raayonotonline/%D7%91%D7%99%D7%AA

 

https://sites.google.com/view/shlilibareshet/%D7%91%D7%99%D7%AA

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.