Vai al contenuto
Home » Offerta di adesione.

Offerta di adesione.

Il 10 luglio 2018 mi sono unito al movimento “nitgaber” – disabili trasparenti.

Cerchiamo di aiutare a promuovere i diritti sociali dei “disabili trasparenti”, ovvero: persone come me, che soffrono di disabilità e malattie gravi non visibili all’esterno in modo evidente – una mancanza di visibilità esterna che provoca gravi discriminazioni anche in relazione ad altri gruppi di disabili.

L’adesione al movimento è aperta a tutti e per questo puoi contattare la direttrice, la signora Tatiana Kaduchkin:

972-52-3708001. oppure: 972-3-5346644.

Domenica-giovedì tra le 11:00 e le 20:00 ora israeliana – e questo è ad eccezione delle festività ebraiche e delle varie festività israeliane.

Assaf benyamini – lo scrittore di lettere.

Scopri di più:

https://www.nitgaber.com/

https://disability5.com

post scriptum. 1) Di seguito la lettera che ho inviato alla società “Radet equipment and systems RDT Equipment & Systems”:

—– Messaggio inoltrato —–da: Asaf Binyamini < asaf197254@yahoo.co.il >

a: info@rdt.co.il < info@rdt.co.il > Inviato il: Martedì 16 Agosto 2022 alle 20:57:34 GMT+3 Oggetto: Lettere a “RDT Equipment & Systems” .

Alla società “Redet Equipment and Systems”.

Saluti:

Materia: Telefonata sospetta.

Gentili signore/signori.

Oggi, martedì 16 agosto 2022 alle 14:00 ho ricevuto una telefonata al mio numero 972-2-6427757 da una donna che si è presentata come sua dipendente, che parlava correntemente l’ebraico e si è rifiutata categoricamente di identificarsi per nome. Secondo lei, il movimento sociale in cui sono attivo (movimento “nitgaber” – disabili trasparenti) avrebbe ordinato da te uno o altri servizi di misurazione. Osserverò che durante l’intera conversazione mi sono sentito raddoppiare ogni volta che parlavo (è possibile che ciò sia stato fatto apposta per cercare di confondermi?). Noterò che l’intera storia mi suona molto strana per due motivi:

  1. a) Le aree di attività del movimento “nitgaber” – disabili trasparenti non sono in alcun modo collegate alle aree di attività della vostra azienda.
  2. b) Al movimento nitgaber non abbiamo mai ordinato da te alcun servizio.

E alla luce di queste circostanze sconcertanti e anche sospette, non mi è chiaro il motivo per cui hai deciso di contattarmi telefonicamente.

Assaf Benyamini,

Via Costarica 115,

Ingresso A-appartamento 4,

Kiryat Menachem,

Gerusalemme,

ISRAELE, CAP: 9662592.

i miei numeri di telefono: a casa-972-2-6427757. Cellulare-972-58-6784040.

Fax-972-77-2700076.

Post scriptum. A) Il mio numero ID: 029547403. B) I miei indirizzi e-mail: 029547403@walla.co.il oppure: asb783a@gmail.com oppure: assaf197254@yahoo.co.il oppure: ass.benyamini@yandex.com

oppure: assaf002@mail2world.com oppure: assaffff@protonmail.com oppure: benyamini@vk.com oppure: assafbenyamini@163.com

2) Di seguito è riportata la lettera che ho inviato allo “Tzeirim Boarim” (il nome ebraico del movimento “giovani in fiamme”):

 office@tzeirimboarim.org.il

Saluti al movimento “Tzeirim Boarim”:

Quello che segue è un messaggio a nome della signora Tatyana Kadochkin del movimento “nitgaber”.

Il tema: il movimento “nitgaber” portatori di handicap “trasparenti”

Circa un decennio fa, io, il Prosciutto, fondai il movimento “nitgaber”, per i disabili “trasparenti”. Disabili con alte percentuali di disabilità e senza capacità di lavoro, ma che non hanno limitazioni nei movimenti.

Il mio movimento conta e rappresenta circa 1300 persone provenienti da tutto lo stato di ISRAELE, che hanno una disabilità che va dal 75% al ​​100%, che non sono idonee al lavoro e che non hanno una disabilità motoria o necessitano di un aumento delle loro percentuali di disabilità . Il movimento consente a quelle persone di ritrovare tutti i loro diritti in tutto lo stato di ISRAELE e viene dato anche un certo sostegno finanziario ai più bisognosi.

Il nostro movimento si batte per alloggi pubblici a prezzi accessibili e condizioni di vita adeguate per il suddetto gruppo di popolazione. Molte persone disabili che non sono in grado di lavorare, e che hanno una disabilità dal 75% al ​​100%, ma non sono limitate nei movimenti, vivono in condizioni deplorevoli.

Non percepiscono gli stessi benefici di cui godono i pensionati che percepiscono anche l’integrazione del reddito. Cioè non hanno sconti per l’acquisto di medicinali, sconti sulla bolletta della luce, e tassa di proprietà, sconti per viaggiare sui mezzi pubblici e affitti assistiti simili ai pensionati, non hanno diritto a contributi “riscaldamento/raffrescamento” e altro . In altre parole, non hanno diritto a quasi nessun beneficio, nonostante la loro terribile situazione. Inoltre, non hanno diritto all’edilizia popolare nonostante le difficili condizioni in cui vivono ogni giorno.

C’è una differenza fondamentale tra le diverse disabilità, e noi crediamo che non dovrebbe essere così!

Una persona disabile con disabilità motoria, avente diritto a un alloggio pubblico e che riceve assistenza per l’affitto che varia da 3000 a 3900 NIS al mese.

Inoltre, i portatori di handicap con disabilità motoria percepiscono indennità maggiori rispetto ai portatori di handicap rappresentati dal movimento, grazie a integrazioni all’assegno di base, che comprende, tra l’altro, servizi speciali, un assegno di mobilità e accompagnatore e altro ancora.

in una situazione del genere, l’entità di queste indennità raggiunge i 15.000-17.000 NIS al mese. Ma al contrario, i disabili rappresentati dal movimento, che non hanno una disabilità motoria, hanno una disabilità del 75%-100% e non sono idonei al lavoro, ricevono solo NIS 3211 al mese solo netti!

Da ciò ne consegue che questo gruppo è la popolazione più povera e vulnerabile dello Stato di ISRAELE!!!

Durante i miei anni di attività, ho incontrato molti funzionari di diversi partiti alla Knesset (il Parlamento di ISRAELE) e nei vari ministeri del governo.

Ma, purtroppo, da un decennio ormai il movimento non riesce a promuovere la proposta che permetterebbe alle persone disabili che non hanno limitazioni di movimento, che hanno una disabilità del 75-100% e non sono in grado di lavorare, di ricevere alloggi pubblici, o almeno per aumentare la quantità di assistenza che ricevono nell’affitto di un appartamento e per migliorare almeno un po’ le loro condizioni di vita.

Alla luce di quanto sopra, io, Tatyana Kaduchkin, presidente del movimento “nitgaber” (disabili trasparenti),

Vorrei incontrarvi per promuovere questo progetto e aiutare queste persone a vivere una vita più dignitosa e corretta.

Con benedizioni e grande speranza, Tatyana Kaduchkin, presidente del movimento “nitgaber” (disabile trasparente).

Telefono 1: 972-52-370-8001. Telefono 2: 972-3-534-6644.

Di seguito è riportato il messaggio che ho lasciato per il membro della Knesset (Il Parlamento di ISRAELE) Mossi Raz, che sono arrivato per un incontro con lui alla Knesset. Sono arrivato alla riunione di martedì 20 aprile 2021 alle 13:30.

20.4.2021

Un saluto al membro della Knesset Mossi Raz.

Materia: Problema abitativo per i disabili.

Caro Signore.

Di seguito sono elencate una serie di questioni relative alla popolazione con disabilità e disabilità mentali (una popolazione in cui sono incluso anche io) che vorrei sollevare prima di voi.

Sarei interessato a sapere fino a che punto siete in grado di promuovere questi problemi e/o apportare modifiche legislative urgenti al fine di migliorare la nostra situazione, le condizioni del nostro trattamento e le nostre possibilità di sopravvivenza e integrazione nella società.

Preciso che dall’esperienza passata ho appreso che in incontri di questo tipo mi verrà detto prima del mio arrivo che mi sarà dato il permesso di parlare per sollevare le questioni di cui desidero parlare – tuttavia nell’incontro stesso ho non verrà dato il permesso di parlare nemmeno per un secondo – e se provo a parlare, ci mancherebbe sarà considerato Automaticamente per un gravissimo “disturbo” e quindi le guardie di sicurezza mi attaccheranno e mi espelleranno molto aggressivamente – e anche questo quando non ce n’è bisogno e quando è del tutto superfluo, e anche quando è assolutamente chiaro che non rappresento alcun “pericolo” per nessuno.

E conoscendo questa realtà, ti sto consegnando questa lettera – nel caso anche questa volta, questo sarà il comportamento nei miei confronti. Apparentemente il fatto stesso che io osi sollevare la difficile situazione della comunità dei disabili viene interpretato come una minaccia molto seria, anche se non mi è affatto chiaro chi o cosa minaccia esattamente. Lascio te e i dipendenti del tuo ufficio con questa lettera – non la riporterò a casa mia.

E ora per i dettagli degli argomenti stessi:

1) Il problema del finanziamento/pagamento dell’affitto – molti anni fa è stato stabilito (e non è chiaro da chi – ma probabilmente è un funzionario del governo o un altro) che i disabili che risiedono nella comunità hanno diritto a un’assistenza nella misura di 770 shekel al mese per il pagamento dell’affitto. Come sappiamo, negli ultimi anni c’è stato un aumento molto significativo dei prezzi degli appartamenti nello Stato di Israele – e di conseguenza, ovviamente, c’è stato anche un aumento significativo dell’affitto. Tuttavia, l’importo dell’aiuto di NIS 770, che è stato determinato molti anni fa in modo completamente arbitrario e senza alcuna spiegazione o logica, non viene aggiornato. Purtroppo, anche dopo molta corrispondenza (e si tratta di almeno diverse migliaia o addirittura decine di migliaia di lettere, e purtroppo per chi scrive queste parole, questi numeri non sono affatto eccessivi), che sono stati inviati a ogni possibile partito: il Ministero dell’edilizia e dell’edilizia abitativa e i suoi vari rami, altri ministeri del governo come il Ministero delle finanze e la Presidenza del Consiglio dei Ministri Ufficio, molti giornalisti con cui l’autore di questo documento ha parlato personalmente, molti avvocati e anche gli uffici investigativi e le ambasciate di paesi esteri – niente aiuta – e di conseguenza l’importo degli aiuti non viene aggiornato, molti disabili vengono gettati nel strada e vi trovano la morte per fame, sete o freddo in inverno e in alternativa per colpo di calore o disidratazione in estate. Si segnala che organizzazioni per lo sfruttamento dei diritti come l’associazione “Yadid” (che, come sappiamo, è stato chiuso pochi mesi fa) o le cliniche di assistenza legale presso università e college con cui è in contatto anche chi scrive questo articolo non possono mai aiutare, e il motivo è semplice: l’importo dell’aiuto di NIS 770 è previsto a norma di legge, e le organizzazioni per lo sfruttamento dei diritti non possono che aiutare secondo la legge vigente, e l’unico indirizzo nei casi in cui siano necessarie modifiche legislative è, come sapete, la Knesset. Ma qui la situazione continua solo a complicarsi: come sappiamo, per un lunghissimo periodo di oltre due anni non esiste un governo funzionante e la Knesset e lo Stato di Israele si trovano, di fatto, in uno stato di continuo governo di transizione. Il risultato diretto e devastante di questa situazione è la mancanza di possibilità di apportare modifiche essenziali alla legge che sono urgentemente richieste, alcune delle quali qui dettaglio. Va notato che anche quando la Knesset e il governo hanno agito sulle richieste di chi scrive queste righe, nonché sulle richieste delle organizzazioni dei disabili e di molti altri soggetti in merito all’importo degli aiuti ai membri della Knesset, hanno erano automaticamente diretti alle organizzazioni per lo sfruttamento dei diritti – e questo anche se gli stessi membri della Knesset sanno benissimo che in questo caso le organizzazioni per lo sfruttamento dei diritti non possono essere l’indirizzo ma solo loro stessi.

2) Comunicazione con i locatori – ci sono molti casi in cui le persone disabili hanno difficoltà a negoziare con il locatore per motivi legati alla loro malattia o disabilità. In queste situazioni, gli assistenti sociali sono tenuti ad agire come mediatori – e una gran parte degli assistenti sociali non può davvero assumere questo ruolo in ogni caso. E ancora: i forti tagli negli ultimi anni alle norme per il lavoro degli assistenti sociali, uniti alle difficili condizioni di lavoro, alla bassa retribuzione, al trattamento inadeguato da parte delle famiglie dei pazienti che in molti casi li vedono come, e ingiustamente,

3) Mezzi di pagamento dei pazienti – ci sono situazioni in cui una persona si trasferisce a vivere in comunità dopo un lungo periodo di degenza ospedaliera, e senza abitudini di vita considerate normative come andare al lavoro, assumersi la responsabilità di gestire la propria vita , ecc. Molto spesso requisiti che vengono posti come condizione per la firma di un contratto di locazione come la firma di un assegno di garanzia è irraggiungibile per le persone in questa fase della loro vita.Molte strutture terapeutiche e riabilitative esistenti in passato (in una delle quali l’autore di questo documento è stato aiutato circa 26 anni fa quando ha lasciato un ospedale per la vita assistita) hanno chiuso o ridotto significativamente l’ambito della loro attività negli ultimi anni – qualcosa che potrebbe prevenire la riabilitazione di persone che in questa fase della loro vita non saranno in grado di andare avanti senza queste buste terapeutiche e riabilitative essenziali.

4) Il problema della regolamentazione – oggi c’è uno squilibrio completo per quanto riguarda gli obblighi ei diritti dei proprietari degli appartamenti da un lato e degli affittuari dall’altro. Ci sono molte leggi che proteggono i proprietari dall’uno o dall’altro abuso dei periodi di affitto che possono essere da parte degli inquilini. D’altra parte, non ci sono leggi volte a proteggere le persone che vivono negli appartamenti dall’essere sfruttate dai proprietari – e di conseguenza in molti contratti di affitto si possono trovare clausole scandalose, draconiane e talvolta anche illegali – e non ci sono leggi finalizzato a tutelare gli inquilini di questi appartamenti che sono costretti a firmare questi contratti. In molti casi,

Naturalmente, questo problema è della popolazione

Tuttavia, va tenuto conto del fatto che trattare con i proprietari in queste situazioni è naturalmente più difficile per le popolazioni svantaggiate come i disabili oi malati.

5) Difficoltà nell’informazione – vi sono notevoli difficoltà quando si tratta di sollevare le difficoltà menzionate e di esporle nella scena pubblica al fine di apportare le necessarie correzioni. Le attuali priorità dei vari media quasi disinteressati alla questione, la frammentazione tra le organizzazioni dei disabili, la riluttanza di molti elementi della società in cui viviamo a prendere parte attiva nei tentativi di correggere e migliorare la situazione – tutto ciò grava e rende molto difficile gli sforzi per sensibilizzare l’opinione pubblica su questi problemi in un modo che costringerà i membri della Knesset ad apportare le necessarie modifiche alla legislazione invece di continuare a ignorare e non fare nulla. Un’altra difficoltà esiste quando si tratta di lanciare una campagna pubblicitaria:

6) Tempo di attesa per il trattamento – sono molti i casi in cui persone che fino a un certo stadio della loro vita non hanno avuto bisogno dell’aiuto dei servizi di salute mentale – ma a causa di circostanze di vita difficili o di un evento traumatico o difficile di un tipo o l’altro hanno bisogno dell’aiuto di un professionista nel campo della salute mentale – e ovviamente in molti casi si tratta di assistenza temporanea o una tantum e non cronica. Oggi i tempi di attesa per il trattamento o l’assistenza psicologica sono molto lunghi e, a causa della mancanza di un aiuto tempestivo, le condizioni delle persone possono deteriorarsi inutilmente. Investire risorse aggiuntive nel sistema pubblico di salute mentale può certamente cambiare la situazione. Va ricordato che anche dal punto di vista economico e di bilancio non c’è logica in tali comportamenti: quando le persone

7) Cure odontoiatriche – Come sapete, nello Stato di Israele una persona che necessita di cure odontoiatriche si rivolge quasi sempre a medici privati ​​- e questo perché il sistema sanitario pubblico al momento non fornisce una risposta in questo ambito. Va notato che i disabili mentali, e anche i disabili in generale, la cui situazione finanziaria è molto difficile a livello quotidiano, anche senza collegamento a cure odontoiatriche, trovano ancora più difficile ricevere tali cure, se e quando è necessario. La combinazione di gravi problemi mentali e grave disagio economico fa sì che queste persone debbano affrontare una depressione e un vicolo cieco completo quando necessario, e talvolta cure dentistiche urgenti. Bisogna tener conto che oggi non c’è, infatti,

8) Aree di ricovero – una persona che attualmente necessita di un trattamento psichiatrico massiccio in un ospedale o clinica pubblica può riceverlo solo in una clinica o ospedale vicino alla sua area di residenza. Ci sono casi in cui i pazienti preferiscono, per un motivo o per l’altro, essere curati in un’altra clinica, non necessariamente quella molto vicina alla loro area di residenza. Ai pazienti dovrebbe essere concessa la libertà di scelta e un paziente che non è soddisfatto del trattamento in una particolare clinica o ospedale dovrebbe avere la possibilità di trasferirsi in una clinica o in un ospedale altrove. Questa opzione è attualmente offerta in tutti gli altri campi della medicina – e non vi è alcun motivo per negare la libertà di scelta sul luogo del trattamento solo nel campo del trattamento mentale. Inoltre: tale libertà di scelta, se concessa,

9) Consapevolezza della popolazione – la popolazione in generale mostra a volte un’opposizione molto significativa quando si tratta di trattamenti di salute mentale che vengono somministrati nell’area in cui le persone vivono – cosa che deriva da una mancanza di consapevolezza e dalla mancanza di riconoscimento del campo – e senza alcun giustificazione pratica o logica. Ridurre le resistenze e le riluttanze della popolazione attraverso un adeguato sistema informativo sistemico può certamente rendere più facile la vita di pazienti e pazienti la cui vita è comunque molto difficile a causa della malattia e della disabilità stesse. La mancanza di consapevolezza nella società in cui viviamo causa casi di obiezioni dei residenti all’apertura di ostelli o strutture di cura vicino a dove vivono, cosa che porta a notevoli ritardi nell’apertura di queste strutture, e talvolta anche alla prevenzione della loro apertura a seguito di cause intentate dai residenti. C’è di più: non sono pochi i casi in cui vi sono molestie intenzionali della popolazione nei confronti di queste strutture assistenziali quando si trovano nella loro area di residenza – ed è molto probabile che sensibilizzare l’opinione pubblica possa portare a una notevole riduzione del numero di questi casi.

Saluti,

Assaf Benyamini,

Via Costarica 115,

Ingresso A-appartamento 4,

Kiryat Menachem,

Gerusalemme,

ISRAELE, CAP: 9662592.

i miei numeri di telefono: a casa-972-2-6427757.

Cellulare-972-58-6784040.

Fax-972-77-2700076.

 

post scriptum. 1) Il mio numero ID: 029547403.

2) I miei indirizzi e-mail: 029547403@walla.co.il

oppure: asb783a@gmail.com

oppure: assaf197254@yahoo.co.il oppure: ass.benyamini@yandex.com oppure: a32assaf@outlook.com oppure: assaf002@mail2world.com

oppure: assaffff@protonmail.com

3) Il quadro di trattamento in cui mi trovavo fino al 16 marzo 2021 (a causa dei continui tagli e riduzioni dei budget sanitari e assistenziali e della mancanza di trattamento di questi problemi in assenza di un governo o di una Knesset funzionanti) rimango, cronicamente malato con malattie e problemi molto gravi senza un quadro terapeutico adeguato. Tutti i miei tentativi di trovare un quadro terapeutico pertinente per lei posso fare affidamento su vasi di terracotta – e non si può dire quanto durerà questa situazione catastrofica):

Associazione “Reut”-Ostello “Avivit”,

Ha Avivit St. 6,

Kiryat Menachem,

Gerusalemme,

Israele, codice postale: 9650816.

I numeri di telefono negli uffici dell’ostello:

972-2-6432551. Oppure: 972-2-6428351.

L’indirizzo e-mail dell’ostello: avivit6@barak.net.il

L’assistente sociale della squadra dell’ostello, con cui mi trovavo

contatto: Oshrat-972-50-5857185.

4) Il medico di famiglia con il quale sono monitorato:

Dott. Brandon Stewart,

“Klalit Health Services” – la clinica “tayelet”,

Via Daniel Yanovsky 6,

Gerusalemme,

ISRAELE, CAP: 9338601.

Il numero di telefono degli uffici dell’ambulatorio:

972-2-6738558. L’ufficio della clinica

numero di fax: 972-2-6738551.

 

5) Dettagli dei normali farmaci che assumo:

  1. Farmaci psichiatrici:

A.Seroquel-

2 compresse da 300 mg ciascuna ogni sera.

B.Tegretol CR-

400 mg ogni mattina. 400 mg ogni sera.

C .Effexor-

150 mg ogni mattina. 150 mg ogni sera.

  1. simvastatina-

10 mg ogni giorno la sera.

 

 

6) Di seguito l’elenco dei problemi medici di cui soffro:

 

  1. Sindrome da malattia mentale-compulsiva OCD così come una malattia definita come disturbo schizo-affettivo
  2. Artrite psoriasica.
  3. Un problema neurologico la cui definizione non è chiara. I sintomi principali del problema: oggetti che cadono dalle mie mani senza che me ne accorga, vertigini, perdita di sensibilità in alcune zone dei palmi e un certo problema di equilibrio e postura.
  4. Ernia del disco cronica alla schiena nelle vertebre 4-5 – che si irradia anche alle gambe e rende difficile la deambulazione.
  5. Sindrome dell’intestino irritabile.
  6. Inizio dei segni di un problema cardiologico dall’ultimo mese (scrivo queste parole giovedì 22 marzo 2018). Al momento della stesura di queste righe, l’essenza del problema non è ancora chiara, che si manifesta in dolori al petto durante la maggior parte della giornata, difficoltà nella respirazione e anche nel parlare.
  7. Un notevole indebolimento della vista, iniziato circa sei mesi fa (scrivo queste parole lunedì 19 aprile 2021).

7) Ulteriori dati personali: Età: 48.

Stato civile: single. Data di nascita: 11.11.1972.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.