Vai al contenuto
Home » plugin optinmonster.com.

plugin optinmonster.com.

Per:

Materia: operazioni aggiuntive.

Gentili signore/signori.

Possiedo il blog disable5.com che affronta il tema delle persone con disabilità. Il blog è stato costruito sul sistema wordpress.org e archiviato sui server di server24.co.il

Ho collegato il blog con il mio account in Google Analytics che ho aperto, utilizzando un plug-in WordPress dedicato a questo scopo.

Quando ho installato il plug-in (e l’intenzione era quella di collegare il mio blog solo a Google Analytics – e non a qualsiasi altra azione) – sul mio blog sono stati installati automaticamente anche diversi altri plug-in:

aiseo score, wpforms, trustpulse e il plugin optinmonster

Come possono essere utilizzati questi plugin per promuovere il sito nei vari motori di ricerca? E se questi plugin non vengono utilizzati per promuovere direttamente il sito nei motori di ricerca, che usi se ne possono comunque fare?

Saluti,

assaf benjamini.

post scriptum. 1) Link al mio blog: https://disability5.com

2) Link per scaricare il plugin optinmonster dal plugin store di WordPress:

https://www.disability5.com/wp-admin/admin.php?page=optin-monster-settings

A. Di seguito il messaggio che ho inviato ai docenti di varie università nel campo degli studi arabi e islamici:

Per:

Materia: Ho fatto domanda.

Gentili signore/signori.

Sto inviando l’appello in vari luoghi. Mi interessa sapere qual è la tua opinione sull’argomento che sto sollevando qui.

Saluti,

Assaf Benyamini.

Di seguito è riportato il messaggio che ho inviato in vari luoghi:

Per:

Materia: Una proposta per un argomento di ricerca.

Gentili signore/signori.

Ho sentito dai media (non ricordo dove e quando) dell’argomento di cui scriverò nelle righe seguenti – e forse è possibile proporlo come argomento di indagine giornalistica – ovviamente se ci sono giornalisti che sarebbe interessato ad affrontarlo.

Sottolineo che non sono un giornalista o un professionista del settore – e scrivo questo messaggio solo come suggerimento – e nient’altro.

E all’argomento stesso:

Come sappiamo, nella Guerra dei Sei Giorni, nel giugno 1967, lo Stato di Israele conquistò la Cisgiordania, la penisola del Sinai e le alture del Golan. Fino a poco prima dell’occupazione delle alture del Golan da parte di ISRAELE, vi viveva una popolazione (probabilmente una popolazione turkmena, ma potrebbe essere stata una popolazione di altra nazionalità o religione) che contava diverse decine di migliaia di persone.

Quando le forze dell’IDF sono arrivate nell’area, questa popolazione non era presente. La questione è estremamente sconcertante: nessuno ha una spiegazione per questo mistero: come è possibile che una popolazione di diverse decine di migliaia di persone scompaia semplicemente in una volta?

Certo le possibili spiegazioni potrebbero essere diverse, ma nessuno sa cosa sia successo davvero:

Una possibilità è che ISRAELE li abbia deportati in territorio siriano, ma c’è un problema con questa spiegazione: se era davvero così, allora come può essere che i media arabi in quel momento (e come sappiamo lo fanno in una certa misura o un altro anche oggi) l’ha completamente ignorato – e in tutto negli anni trascorsi da allora, questo media non ha menzionato il problema e non ha cercato di usarlo contro ISRAELE – come ci si poteva aspettare in una situazione del genere?

La seconda possibilità è, ovviamente, che ci sia stata una partenza organizzata di questa popolazione verso altre aree della Siria poco prima della guerra, e se davvero è ciò che è successo, sorge la domanda se possa esserci stata una sorta di coordinamento tra loro e ISRAELE – e se sì, quali sono stati gli interessi comuni che hanno portato a una tale mossa.

E l’altra possibilità è, ovviamente, che il regime siriano, poco prima dello scoppio della guerra, si assicurasse che questa popolazione lasciasse l’area (o la espellesse effettivamente) – quindi sorge la domanda sul perché ciò sia stato fatto e quali interessi è servito.

E un’altra questione sconcertante è il silenzio dei media: da allora ad oggi, a parte i media arabi, tutti gli altri media, in ISRAELE o nel mondo, non parlano di questa vicenda ed è dubbio che se ne trovi anche solo uno pubblicato articolo sull’argomento – in ISRAELE o nel mondo. Allora cosa stanno cercando di nascondere qui? Chi ha interesse anche oggi a tacere la faccenda e a non parlarne?

E per riassumere: tante domande – e il mistero rimane lo stesso nei 50 anni che sono passati da allora fino ad oggi – 12 ottobre 2022.

Saluti,

Assaf Benyamini,

Via Costarica 115,

Ingresso A-appartamento 4,

Kiryat Menachem,

Gerusalemme,

ISRAELE, CAP: 9662592.

i miei numeri di telefono: a casa-972-2-6427757. Cellulare-972-58-6784040.

Fax-972-77-2700076.

post scriptum. 1) Il mio numero ID: 029547403.

2) I miei indirizzi e-mail: 029547403@walla.co.il oppure: asb783a@gmail.com oppure: assaf197254@yahoo.co.il oppure: assafbenyamini@hotmail.com oppure: assaf002@mail2world.com oppure: ass.benyamini@yandex.com 

o: assaffff@protonmail.com oppure: benyamini@vk.com oppure: assafbenyamini@163.com

B. Di seguito è riportata la mia corrispondenza con Verdan, una guida dell’ostello “Avivit”:

14 ottobre

storia nel paese Su un mistero rifugiati Ramatthe Golan

Yahoo/inviato

Per:

vardhan

Venerdì 14 ottobre alle 17:13

Vardhan Shalom:

Ho letto l’articolo. Si scopre che i media israeliani si sono occupati della questione…

Naturalmente, dato che c’è stata davvero una deportazione diffusa di residenti da parte di ISRAELE, rimane la domanda su come sia possibile che i media arabi in quel momento non abbiano cercato di fare ampio uso di questo caso per attaccare ISRAELE e in questo modo cercate di agire contro di noi – come ci si poteva aspettare da loro. Ma ovviamente per verificare questo è necessario conoscere l’arabo (e possibilmente soprattutto l’arabo siriano) ad alto livello…

Per il nostro prossimo incontro, cercherò di pensare a un altro argomento/mistero, che non è in alcun modo correlato all’argomento di questo articolo, in modo da portarlo a voi.

Saluti,

E con la benedizione di una felice festa e dello Shabbat Shalom,

assaf benyamini-abitante dell’alloggio protetto dell’ostello “Avivit”.

Venerdì 14 ottobre 2022 alle 12:00:30 GMT +3, vardhan < bvardhan@gmail.com > ha scritto:

Il paese | Cosa è successo ai 130mila cittadini siriani che vivevano sulle alture del Golan nel giugno del 1967? Cosa è successo ai 130mila cittadini siriani che vivevano sulle alture del Golan nel giugno del 1967? Secondo la versione ufficiale israeliana, la maggior parte di loro è fuggita nelle profondità della Siria fino alla fine della guerra. Secondo documenti militari e testimoni oculari, migliaia di persone furono deportate con un trasporto che ricorda quello dei residenti di Lod e Ramla nel 1948

Condividi su Facebook Condividi e i tuoi amici leggeranno l’articolo gratuitamente Condividi un articolo tramite e-mail Condividi un articolo tramite e-mail oltre i talkback 17

mantenere

Salva l’articolo nell’elenco di lettura

Lettura Zen Stampa un articolo di Shay Fogelman-Tserovhashi. Fogelman Ricevi avvisi nella tua e-mail per gli articoli di Shay Fogelman Avvisi e-mail 29 luglio 2010 L’odore dei fichi maturi si riempie il naso non appena entri nel villaggio di Ramataniya. In piena estate sono già troppo maturi e l’odore della fermentazione è denso e opprimente. In assenza di un raccoglitore, i fichi marciscono sugli alberi. Senza un bordatore, i rami crescono selvatici, scheggiando i muri di basalto nero delle case, sfondando gli infissi spostati. Le loro radici sfrenate fanno crollare le recinzioni di pietra che circondano i cortili. Tutte le tegole rosse sono sparite dai tetti. I ciottoli sono stati spostati. Le sbarre sono ancora appese ad alcune finestre, ma non ci sono più porte. Solo i serpenti estivi emergono occasionalmente da sotto le pietre di un muro crollato, gli uccelli beccano i fichi in decomposizione e un enorme cinghiale, spaventato, corre lungo il sentiero, si ferma un attimo e volta la testa all’indietro, come a discutere se rivendicare la proprietà della terra o fuggire per salvarne la vita. Alla fine scappa.

Di tutte le dozzine di insediamenti e villaggi siriani lasciati abbandonati nel Golan dopo la Guerra dei Sei Giorni, Ramataniyeh è considerato il villaggio meglio conservato. Probabilmente più per il breve insediamento ebraico ivi presente alla fine del XIX secolo e meno per il suo passato bizantino, fu dichiarato sito archeologico subito dopo la guerra e fu salvato dai denti dei bulldozer.

Nel censimento della popolazione siriana condotto sulle alture del Golan nel 1960, c’erano 541 residenti a Ramatania. Alla vigilia della Guerra dei Sei Giorni vi abitavano circa 700 persone. Secondo la maggior parte delle stime, nell’intera area del Golan occupata da Israele nel 1967 vivevano tra 130.000 e 145.000 residenti. Nel primo censimento della popolazione israeliano, condotto esattamente tre mesi dopo la fine dei combattimenti, solo 6.011 cittadini sono stati contati in tutti i territori del Golan. Questi vivevano principalmente nei quattro villaggi drusi che rimangono abitati fino ad oggi e la loro minoranza nella città di Quneitra, che fu restituita alla Siria dopo la guerra dello Yom Kippur.

– Pubblicità –

La nascita di una narrazione

I migliori articoli, aggiornamenti e commenti, ogni mattina direttamente all’e-mail *

nbnimrod@gmail.com

Si prega di inserire un indirizzo e-mail per registrarsi

“Lo sfollamento di massa dei residenti siriani è avvenuto durante la guerra e come parte di essa. Qui l’attacco israeliano è stato frontale e i siriani, che si sono ritirati passo dopo passo, hanno spazzato via con loro la popolazione civile”, scrisse Moshe Dayan, allora ministro della Difesa, nell’articolo “The Seventh Day”, pubblicato sulla rivista americana “Life” due mesi dopo la guerra. L’articolo trattava del futuro dei territori occupati, ma Dayan ha descritto in dettaglio la sua versione della scomparsa dei residenti del Golan. “Quando l’esercito siriano è arrivato in viaggio verso una catena di villaggi, gli abitanti si sono affrettati ad evacuare. Hanno preso le loro famiglie e le loro famiglie e sono fuggiti verso est, per timore di trovarsi tra le linee e di essere colpiti dai cannoni e dalle bombe degli aerei . L’incursione israeliana in Siria è stata lungo l’intera lunghezza del fronte siriano, dal confine tra la Giordania e il Libano ea una profondità di una ventina di chilometri. E questa zona, fuori dai villaggi drusi, ormai vuota di civili”.

Anche i politici, il personale militare e altri oratori ufficiali dell’epoca descrissero in modo simile la popolazione siriana in fuga dal Golan. Gideon Raphael, rappresentante di Israele presso le Nazioni Unite, ad esempio, ha risposto in una lettera inviata al Segretario generale delle Nazioni Unite alle affermazioni del rappresentante siriano secondo cui migliaia di civili sono stati cacciati dalle loro case nei mesi successivi alla guerra e ha osservato che “la maggior parte dei la popolazione delle alture del Golan è fuggita anche prima del ritiro delle forze siriane”.

I giornali dell’epoca seguivano uno spirito simile. “La maggior parte della popolazione arabo-musulmana è fuggita anche prima dell’ingresso dell’IDF”, ha scritto Yoel Der sul quotidiano “Davar”, un mese dopo la guerra. Secondo lui, “questa fuga non è stata casuale, poiché questi insediamenti avevano un carattere semi-militare”. Nell’articolo di Yehuda Ariel su “Haaretz”, a fine giugno, si affermava che “i villaggi di Ramah erano stati tutti spazzati via senza eccezioni, tutti avevano paura della vendetta”.

Il giornalista di “Davar” Haim Izek, che circa un mese dopo la guerra ha fatto un tour stampa del Golan per conto dell’esercito e accompagnato da ufficiali, è rimasto stupito nel descrivere questo. Sulla loro visita all’avamposto e al villaggio di Jalbina, che secondo il comandante siriano aveva circa 450 residenti che vivevano lì alla vigilia della guerra, scrisse: “I soldati furono uccisi, o catturati, o fuggiti. E tra i fuggitivi c’era anche l’intera popolazione non combattente. Le donne, i bambini e gli anziani che erano qui. Le uniche anime rimaste in fuga in questo avamposto sono gli animali abbandonati della fattoria, che vagano per i sentieri e i viali assetati e affamati. Un piccolo vitello si avvicina alla nostra macchina Di fronte ci stanno a guardare due asini magri, e mentre lasciamo il villaggio ci fissa un cane che si è dimenticato di abbaiare.”

In un numero speciale di “Talk of the Week”, in occasione dell’anniversario dell’occupazione del Golan, Ruth Bundy ha scritto: “I villaggi arabi lungo le strade sono abbandonati… tutti sono fuggiti dall’ultimo uomo prima dell’arrivo dell’IDF su la scena, per paura del crudele occupante.La sensazione alla vista dei villaggi abbandonati varia tra il disprezzo davanti alle squallide capanne Hamra – quello che il regime “progressista” ha saputo dare ai suoi contadini – e tra il dolore per la vista delle case relativamente ben tenute del villaggio circasso di Ein Zivan – sciocchi, perché sono dovuti scappare; Tra la sensazione di benessere che i territori sono vuoti di persone e tutti i nostri problemi, 70mila musulmani in più non sono stati aggiunti all’altopiano,e tra un senso di disagio davanti a un abbeveratoio e un frutteto abbandonato, davanti a un grande fico vicino a una casa dal tetto rosso, davanti a tutti quei segni di lavoro e di attenzione, che restano a testimonianza di persone che amava la loro casa”.

Nel corso degli anni, questa narrativa ha permeato anche i libri di saggistica e di storia israeliani. Nel libro “Storia del Golan”, il ricercatore Natan Shor, che ha scritto più di venti libri e più di cento articoli sulla storia della Terra d’Israele, ha scelto di citare la quinta lettera che Israele ha inviato alla Sicurezza dell’ONU Consiglio in risposta alle affermazioni siriane sulla deportazione di civili. Scrisse: “Prima del loro ritiro, le autorità ordinarono all’esercito siriano che gli abitanti dei villaggi del Golan abbandonassero le loro case e proprietà e lasciassero immediatamente i loro villaggi in esilio all’interno dei territori siriani. Solo gli abitanti dei villaggi drusi in il Golan settentrionale non ha obbedito a questa istruzione. Da tutti gli altri villaggi, gli abitanti sono scomparsi come un cenno della mano”.

Nel corso degli anni sono emerse di volta in volta anche altre testimonianze, storie di soldati e civili che si trovavano nel Golan in quel momento e furono testimoni diretti o presero parte attiva all’iniziata deportazione di civili. E sorprendentemente, anche negli studi storici considerati seri, gli scrittori ignoravano queste testimonianze e si attenevano alla narrativa della fuga. “Ho sentito prove che le cose non stavano come Israele ci ha detto in tutti questi anni”, dice un importante ricercatore nel campo, che ha pubblicato uno dei libri più importanti scritti sul Golan alcuni anni fa. “Consapevolmente non l’ho affrontato e ho deciso di attenermi alla narrativa esistente. Temevo che tutta l’attenzione che sarebbe stata creata attorno al libro si sarebbe concentrata su questo problema e non sul cuore della ricerca”.

Un altro storico ha spiegato che seguiva il flusso non volendo essere etichettato come uno “storico di sinistra”. Afferma che “c’è stata una fuga e c’è stata una deportazione. Sebbene questo sia un argomento considerato controverso, chiunque abbia studiato il periodo sa esattamente che c’erano entrambe le cose. Probabilmente mi sono arrivate anche prove di espulsione e prevenzione del ritorno, ma Non avevo gli strumenti per indagarli a fondo, e non è stato al centro della mia ricerca, per questo non ho visto alcun senso approfondire la questione né scriverne mai, soprattutto per evitare di essere etichettato come uno storico che ha preso posizione sulla complessa questione”.

Fuga nei campi

Come sul fronte egiziano e giordano, la vittoria israeliana nel ’67 fu rapida e schiacciante anche nell’arena siriana. Entro 30 ore dai combattimenti, dalla mattina del 9 giugno fino all’entrata in vigore del cessate il fuoco, il giorno successivo alle 18:00, le forze dell’IDF hanno preso il controllo di una striscia di terra lunga circa 70 chilometri e profonda in media 20 chilometri. L’esercito siriano, che era trincerato e ben equipaggiato per tutta la sua lunghezza e per l’ampiezza del fronte, si disintegrò in gran parte prima ancora di incontrare le forze attaccanti, anche se godeva di un vantaggio topografico.

L’attacco al suolo è stato preceduto da tre giorni di bombardamenti di artiglieria e dall’aria. Molti degli avamposti siriani sono stati danneggiati dai bombardamenti, così come un numero significativo di case, fienili e strutture civili nei villaggi vicini. Naturalmente, c’erano anche lesioni mentali. In questi giorni è iniziato un esodo di civili verso Damasco: diverse migliaia secondo la maggior parte delle stime.

Dopo tre giorni di continui bombardamenti, il morale dei combattenti siriani negli avamposti era basso. Gli ordini del quartier generale dell’esercito a Damasco erano esitanti e talvolta contraddittori. Non erano in vista rinforzi. Fu allora che iniziò anche l’esperienza militare. Secondo le prove raccolte in Siria dopo la guerra, inizialmente i soldati dell’amministrazione sono fuggiti dalla base. Dopo di loro, si ritirarono anche gli alti ufficiali del quartier generale della divisione a Quneitra e i comandanti di alcune unità in prima linea. Diverse centinaia o migliaia di altri cittadini, membri delle loro famiglie, sono partiti con loro. Con l’inizio dell’attacco di terra israeliano, il flusso di profughi è aumentato.

Non c’è dubbio che molti cittadini siriani si siano uniti alle forze armate in fuga prima e dopo l’attacco israeliano. Molti, ma non tutti. Secondo una stima siriana fatta circa una settimana dopo la guerra, solo 56mila cittadini a questo punto hanno lasciato il Golan. Pochi giorni dopo, il 25 giugno, il ministro dell’Informazione siriano, Muhammad al-Zouabi, ha affermato in una conferenza stampa a Damasco che solo 45.000 civili avevano lasciato l’area occupata. Nel fervore della battaglia non è stata fatta alcuna registrazione ordinata di coloro che sono partiti e oggi è impossibile verificare o smentire i dati, ma anche dalle testimonianze dei soldati israeliani risulta chiaro che un numero significativo di residenti siriani è rimasto in tutto il Golan .

“Ricordo che ne abbiamo visti dozzine e talvolta anche centinaia nei campi, fuori dai villaggi”, dice Elisha Shalem, comandante del 98° battaglione paracadutisti della riserva. Dopo che il suo battaglione ha partecipato all’occupazione della Samaria settentrionale, i suoi soldati sono stati sganciati dagli elicotteri l’ultimo giorno di guerra nel Golan meridionale, nell’area in cui si trova ora il Kibbutz Mitzer. “Il nostro obiettivo era penetrare il più in profondità possibile nel Golan prima che entrasse in vigore il cessate il fuoco”, afferma. “Non ci interessava occupare avamposti o villaggi. Il numero di incendi con i siriani è stato molto basso nel nostro settore, erano principalmente impegnati nella ritirata. Nello stesso momento in cui siamo atterrati dagli elicotteri, anche una forza di carri armati e una compagnia di pattuglia è arrivata dalla Valle del Giordano e dal momento in cui ci siamo uniti ai veicoli, ci siamo spostati rapidamente verso est, principalmente sulle strade principali. Non ci siamo soffermati sulla strada, quindi non abbiamo potuto valutare davvero l’entità del fenomeno. Ma durante il nostro movimento verso est, tutti i villaggi grandi e piccoli che abbiamo attraversato sembravano deserti. Anche i campi militari erano completamente vuoti, fatta eccezione per alcuni soldati singoli che si arresero immediatamente quando ci videro. Ma ricordo con certezza che abbiamo visto centinaia di residenti nei campi e fuori dai villaggi. Ci osservavano dal campo, da una distanza di sicurezza, in attesa di vedere cosa avrebbe portato la giornata. La popolazione civile non ha partecipato al gioco, né qui né in nessun altro luogo delle alture del Golan. Sebbene formalmente la sezione avesse armi, noi no

Shalem stima che i residenti abbiano lasciato i villaggi non appena sono iniziati i bombardamenti, ma secondo lui probabilmente hanno aspettato nella zona per tornare alle loro case dopo la fine dei combattimenti: “Questo è un modello di comportamento che conoscevamo nelle precedenti occupazioni in la guerra. In Samaria, questo era un modello abbastanza comune. Gli Yishuv, per vedere dove stanno andando le cose. Erano per lo più persone semplici, non erano certo grandi politici e in assenza di qualsiasi leadership facevano la cosa più necessaria per proteggere le loro case e le loro proprietà”.

La descrizione di Shalem è supportata dalla maggior parte delle testimonianze dei combattenti intervistati per l’articolo. Quasi tutti coloro che hanno tolto la testa dall’APC o dal carro armato ricordano le centinaia di cittadini siriani che si sono radunati fuori dagli insediamenti, nei due giorni dei combattimenti nel Golan. Secondo l’evidenza, molti dei cittadini si sono spostati verso est in convogli, a volte insieme all’esercito in ritirata, ma molti sono rimasti, sperando che la vita civile riprendesse il suo corso anche sotto il dominio dell’occupante.

Nostalgia circassa

“Il giorno in cui i carri armati hanno iniziato a occupare il Golan, abbiamo raccolto un piccolo pacco di cose e siamo andati nei campi”, dice Nadi T., nata e cresciuta nel villaggio di Ramataniya. Aveva 13 anni quando scoppiò la guerra. Secondo lui, ad eccezione di alcuni anziani e malati rimasti a casa, tutti gli abitanti del villaggio si sono comportati così quel giorno. “Abbiamo preso alcune cose, principalmente cibo, coperte e vestiti, perché le notti di giugno possono fare freddo nel Golan. Volevo anche prendere i miei quaderni e due libri che ho preso in prestito da un amico che vive a Hoshniyeh, ma papà ha detto che non aveva senso, perché presto torneremo a casa e dovrei prendere solo cose che devo davvero”.

Ancora oggi Nadi si rammarica di non aver preso i quaderni. Vi scrisse un diario d’infanzia scomparso. Con lui c’erano i libri, la bicicletta nuova che lo zio gli comprò a Damasco e una medaglia d’oro nei 100 metri, che Nadi vinse in una gara di quartiere tenutasi a Quneitra, pochi mesi prima della guerra. Ma i ricordi non sono scomparsi. “Avevamo una bella vita a Ramatania, una vita semplice e modesta, senza televisione e tutti i lussi con cui i bambini crescono oggi. Forse è la nostalgia dei sessant’anni, ma tutti i miei ricordi di Ramatania sono dipinti solo con bei colori. Da bambino andavo a fare il bagno nella sorgente che era adiacente al paese, ma ancora oggi ricordo il sapore della sua acqua, in nessun posto al mondo mi sono imbattuto in un’acqua così buona. Facevo anche molte passeggiate nei campi intorno al paese e quando avevo dieci anni costruii una casetta di legno tra i rami di uno dei fichi che crescevano nel nostro cortile. Avevo molti amici nel villaggio e nella vicina Khoshaniye, dove ho studiato a casa il libro.

“L’agricoltura era la principale fonte di sostentamento per gli abitanti del villaggio”, dice Nadi. “Da bambini sin da piccoli si lavorava nei campi. Per noi era soprattutto un gioco e ci divertivamo ad aiutare i nostri genitori a lavorare negli appezzamenti, che erano molto piccoli. Non c’erano trattori o altre attrezzature meccaniche per i lavori agricoli. Per quanto mi ricordo non c’erano nemmeno le pompe dell’acqua.La maggior parte dei lotti era irrigata da canali che uscivano da una delle due sorgenti che erano nei pressi del paese.C’era elettricità nelle case solo la sera, quando accendevamo un generatore. A volte andavamo a Quneitra. C’era un grande cinema e molti negozi. Andavamo a Khoshaniye a piedi o in bicicletta. A volte andavamo su asini o cavalli”.

Per tre giorni Nadi è rimasto con il suo cane Khalil, i suoi quattro fratelli, i suoi due genitori e la sua vecchia nonna nei campi vicino a Ramataniya, a vegliare sulla casa, cercando di valutare quale sarebbe stato il loro destino. Dice che di notte suo padre tornava al villaggio per mungere le due mucche di famiglia e portare pezzi di carne secca e un vasetto di marmellata che sua madre preparava dai fichi. Ma non gli fu permesso di raggiungere suo padre e non tornò mai più a casa sua.

Nadi era figlio di una delle poche famiglie circasse che vivevano a Ramatania. Tutti gli altri residenti del villaggio erano di origine turkmena. Oggi vive nel New Jersey, nella piccola comunità circassa emigrata negli Stati Uniti nel dopoguerra. Alcuni membri della sua famiglia vivono ancora in Siria, quindi non è pronto a rivelare il suo nome completo o a farsi fotografare per l’articolo.

Simile a Ramatanya, anche in altri insediamenti del Golan la popolazione era prevalentemente omogenea. In cinque villaggi del nord, ad esempio, proprio ai piedi del monte Hermon, vivevano i drusi. Gli alawiti vivevano in tre villaggi a ovest di loro, uno dei quali, Reger, è sopravvissuto fino ad oggi. Nell’area della città di Quneitra c’erano 12 villaggi circassi ea sud di essi altri 14 villaggi turkmeni. I cristiani vivevano principalmente negli insediamenti lungo la strada che dal sud dell’altopiano portava al bivio di Raphid. C’erano anche armeni, curdi, Mughreb e Hurani nelle alture del Golan.

Quasi l’80 per cento degli abitanti erano musulmani sunniti, per lo più discendenti di tribù nomadi che vennero a pascolare i loro greggi nel 19° secolo. La maggior parte di loro ha visto che era buono e ha stabilito insediamenti permanenti. Solo il due per cento degli abitanti dell’Altopiano nel ’67 erano nomadi. Nel Golan vivevano anche più di 7.000 profughi palestinesi i cui villaggi furono distrutti durante la Guerra d’Indipendenza.

La maggior parte degli abitanti viveva in piccoli villaggi agricoli, con circa 200-500 abitanti. Anche i 20.000 residenti nella città di Quneitra si guadagnavano da vivere principalmente con il commercio di prodotti agricoli o con la lavorazione di materie prime locali. Contrariamente all’opinione popolare in Israele, ma sulla base della maggior parte degli studi e delle testimonianze, solo una piccola minoranza dei residenti era impiegata dal sistema di sicurezza siriano.

Alla vigilia della guerra, nel Golan c’erano 3.700 mucche, da uno a due milioni di pecore e capre (a seconda della stagione) e 1.300 cavalli, come risulta dai documenti della filiale del ministero dell’Interno siriano a Quneitra. Dai documenti saccheggiati si apprende che nel ’66 in tutto il Golan non fu acquistato nemmeno un trattore. Un solo nuovo attrezzo agricolo meccanico compare negli elenchi statistici di quell’anno, nella categoria “irroratrice motorizzata”.

I primi dieci giorni

“I paesani stanno tornando al loro posto”, ha riferito il 16 giugno Zeev Schiff, scrittore militare di Haaretz. “Ieri hanno iniziato a permettere agli abitanti del villaggio che si nascondevano nella zona di tornare nei loro villaggi. Sulle strade pianeggianti, gli abitanti del villaggio sono stati visti marciare con i loro shaker verso i villaggi. Hanno anche messo a disposizione dei camion per le donne e i bambini per portarli ai villaggi».

Alla fine della settimana, Adit Zertal ha descritto ciò che ha visto in Davar HaShavu: “Da una delle colline che scende sulla strada, su uno stretto sentiero sterrato, appare all’improvviso una strana carovana, almeno agli occhi di chi ha non ancora viste cose del genere. Donne, bambini e alcuni vecchi stanno camminando o cavalcando asini. Hanno appeso a bastoncini ogni pezzo di stoffa bianca e ogni pezzo di carta bianca che hanno trovato nei loro contenitori e li hanno agitati in segno di resa. Quando si misero in strada, sul posto arrivò un autobus Egged carico di soldati israeliani che scendevano a valle.La gente del convoglio, tremante di paura, si aggrappò ai lati del bus, si premette contro di loro e fece cenno con le mani al finestre. Gridavano: “Dhilkum! Dhilkum! Che Dio ti aiuti!” I soldati stanchi e impolverati, che ieri hanno combattuto qui e hanno sconfitto la pericolosa montagna, che oggi hanno combattuto qui contro i soldati che si sono nascosti nelle case dei paesani che ora chiedono pietà, voltano la testa. Non possono vedere la terribile vista dell’umiliazione e della resa. Un ufficiale israeliano dice ai rimpatriati di tornare alle loro case e promette al vecchio, che cavalca un asino alla fine della carovana, perché non verrà loro alcun male.

Ma l’atteggiamento del potente esercito e della missione è cambiato prima ancora che i giornali venissero stampati. Infatti, lo stesso giorno in cui i giornalisti militari hanno visitato il Golan e hanno descritto il ritorno degli abitanti ai villaggi, il tenente colonnello Shmuel Admon, comandante militare responsabile della zona, ha emesso un’ordinanza in cui dichiarava l’intera altura del Golan un zona chiusa. “Nessuno entrerà nell’area delle alture del Golan da un’area esterna ad essa, e nessuno lascerà l’area delle alture del Golan in un’area esterna ad essa, se non con un permesso rilasciato dal comandante delle forze dell’IDF nell’area”, si legge nel decreto , e per coloro che lo violano è prevista una pena detentiva di cinque anni.

Vietata la circolazione dei cittadini siriani. I documenti del governo militare documentano come decine di residenti che cercavano di tornare alle proprie case venivano arrestati ogni giorno e portati al tribunale di Quneitra. Lì, la maggior parte di loro ha testimoniato di essere venuta solo per raccogliere la proprietà rimanente. Altri hanno detto che la loro intenzione era di tornare a casa. Tutti furono successivamente banditi e deportati.

Ma coloro che sono riusciti a infiltrarsi, a volte hanno scoperto di non avere nessun posto dove andare. “Non ricordo esattamente quando fu, ma pochi giorni dopo la fine dei combattimenti, forse anche meno di una settimana, abbiamo ricevuto l’ordine di iniziare a distruggere i villaggi”, afferma Elad Peled, comandante della 36a divisione al guerra. Per dieci giorni dopo la fine delle battaglie, la sua divisione fu responsabile dell’area occupata del Golan. Peled non ricorda chi furono le forze che distrussero le case. “Era una questione amministrativa, ero impegnato con gli aspetti bellici”, dice, ma stima che questi fossero i trattori del battaglione di ingegneri che era subordinato alla sua divisione. “Alcune case non avevano affatto bisogno di un trattore. Si sarebbe potuto fare con un trattore”, commenta.

Secondo Peled, c’era una politica chiara che veniva dal comando, “e doveva essere scesa dal livello politico”, per non danneggiare i villaggi drusi e circassi nel Golan. “Per molte ragioni lo stato aveva interesse a tenerli lì”, dice, ma non ricorda quale fosse la politica in relazione agli altri residenti. Il libro dei documenti lo sa.

Alla fine della guerra, gli ufficiali del quartier generale della divisione di Peled compilarono un rapporto di guerra che descriveva il corso delle battaglie. Nell’ultimo capitolo, nella sezione denominata “Controllo di governo”, sono descritte, tra l’altro, le azioni della divisione nei confronti della popolazione civile durante i dieci giorni in cui il Golan era sotto il suo controllo.

“A partire dall’11 giugno, l’amministrazione ha iniziato a curare la popolazione rimasta nel territorio occupato, sottolineando le minoranze druse e circasse…”, afferma il rapporto, la cui classificazione di sicurezza era “top secret” ed è attualmente negli archivi dell’IDF . I fattori che ne consentivano la visione da parte del pubblico prima che fossero trascorsi i 50 anni, come è consuetudine con i documenti sensibili, hanno cancellato la prosecuzione del processo. La soppressa continuazione della sentenza, come si evince dal documento originale, è stata “così come l’evacuazione della restante popolazione”.

Peled non ricorda la sezione della relazione, né gli ordini impartiti in materia. Ma secondo lui circa 20mila civili rimasero sulle alture del Golan nei primi giorni del dopoguerra. “Sono stati evacuati o abbandonati quando hanno visto che i villaggi stavano iniziando a essere distrutti dai bulldozer e non avevano un posto dove tornare”. Peled Non ricorda i nomi dei villaggi che furono distrutti e in quale regione si trovassero, ma dalle testimonianze raccolte da vari comitati ONU negli ultimi anni da cittadini siriani, è possibile che nella prima fase del dopoguerra solo villaggi che erano vicino al vecchio confine furono distrutti.

Zvi Raski, che era il comandante di Gush Tel Hai durante la guerra e una delle persone più vicine al comandante generale David (Dado) Elazar, rimase al comando del PAK per tutti i giorni dei combattimenti. Secondo lui, “Abbiamo anche fatto esplodere case subito dopo la fine dei combattimenti, quasi ovunque potevamo”. Yehuda Harel, uno dei primi coloni israeliani a Ramah, ricorda la distruzione del villaggio di Nias subito dopo la guerra. Eli HaLhami, che era allora responsabile dell’intelligence militare in Siria, Libano e Iraq ad Amman, stima che “si trattava principalmente di villaggi con cui avevamo un resoconto dal tempo della guerra per l’acqua, villaggi da cui piovevano fuoco sugli insediamenti israeliani o su quelli da cui uscivano squadre per compiere attacchi e attacchi in Israele”.

Amnon Assaf, membro del kibbutz Maayan Baruch, che pare sia stato uno dei primi cittadini israeliani a salire sull’Altopiano, fa luce sulla fine del processo di demolizione dei villaggi vicino al confine a sud dell’Altopiano e il destino dei loro residenti. “Era nei primissimi giorni dopo la guerra. Sono andato con un amico del kibbutz sulle alture del Golan. Avevamo un amico di Mashek che prestava servizio in una pattuglia corazzata e da quando sono saliti sul Golan non abbiamo sentito qualsiasi cosa da lui, tranne il fatto che potrebbe trovarsi nella zona di Netaf. Ai cittadini israeliani non era permesso salire sulle alture del Golan in quei giorni quindi abbiamo applicato del fango sulla nostra jeep in modo che i soldati pensassero che fosse un veicolo militare e non fermarci Quando siamo passati sulla strada che avvolge il Kinneret, in basso, sotto le scogliere dell’altopiano, nella zona di Kursi, abbiamo visto un grande raduno di civili siriani. Stimo che ce ne fossero diverse centinaia. Erano riuniti davanti a tavoli dietro i quali sedevano soldati. Ci siamo fermati e abbiamo chiesto a uno dei soldati lì cosa stessero facendo. Ha risposto che si stavano registrando prima della deportazione.

“Non sono una persona dal cuore tenero, ma anche in quel momento ho sentito che qualcosa non andava qui. Ricordo che fino ad oggi, anche allora, questa commedia mi fece una brutta impressione. Ma di fatto era come era a Lod, Ramla e in altri luoghi durante la Guerra d’Indipendenza Ero nel battaglione Il terzo dei Palmach in quella guerra e sebbene fossi stato ferito in battaglia prima dell’occupazione di Lod e Ramla sapevo che questo era ciò che i miei amici Mi hanno raccontato della deportazione quando sono venuti a trovarmi in ospedale e, naturalmente, negli anni a seguire”.

Anche Nadi T. e la sua famiglia lasciarono il Golan in quei giorni. “Dopo la fine della guerra, siamo rimasti un’altra settimana o giù di lì con i nostri parenti a Khoshniyeh. Ci è stato proibito di entrare a Ramtaniyeh. All’inizio, papà usciva ancora di soppiatto ogni notte per mungere le mucche, ma un giorno è tornato sconvolto e ha detto che i soldati aveva sparato a lui. Ha detto che Benes è sopravvissuto agli spari e ha visto che uno dei residenti che era andato con lui è stato colpito ed è caduto nel campo. Il giorno dopo ha osato sgattaiolare fuori di nuovo. Ha liberato le mucche dalla stalla, si è radunato una coperta, alcune vecchie foto, libri religiosi e alcuni gioielli di sua madre che erano nascosti in uno dei muri. Forse il giorno successivo o due giorni dopo, i soldati israeliani sono venuti e hanno radunato tutti i restanti residenti di Khoshniyya. Ricordo che parlato a lungo con il padre e gli altri uomini.

Gli ultimi residenti

Nei mesi di luglio e settembre, i residenti siriani sono stati talvolta visti spostarsi o nascondersi intorno alle alture del Golan, ma l’esercito ha fatto del suo meglio per limitare i loro movimenti. Il 4 luglio, il comandante generale ha emesso un ordine che ordinava il coprifuoco civile in tutte le aree del Golan “tra le sei di sera e le cinque del mattino del giorno successivo”. Lo stesso giorno ha emesso due ulteriori ordini di limitazione alla circolazione dei cittadini. Uno ha definito la “zona residenziale degli abitanti della città di Quneitra” e li ha delimitati al solo quartiere cristiano della città. Il secondo decreto dichiarava l'”area del borgo” un’area chiusa e vietava l’ingresso o l’uscita di cittadini da una vasta area al centro dell’altopiano ea sud.

Menachem Shani, che fu uno dei primi coloni nel centro del Nahal a Laika, arrivò nella zona durante questo periodo. “Il nostro primo compito è stato quello di raccogliere il bestiame abbandonato che si trovava su tutte le alture del Golan. In realtà c’erano principalmente mucche ma anche pecore e capre. La maggior parte degli abitanti dei villaggi è fuggita e ha lasciato gli animali liberi. Li abbiamo raccolti in un grande recinto vicino alla sorgente della nostra residenza.”

A questo scopo Shani ei suoi amici si aggiravano principalmente nell’area che parte “da Khoshaniye a sud fino all’area dei villaggi drusi a nord”. Shani ricorda che “una volta che abbiamo incontrato un gruppo di giovani nella zona del villaggio di Ein Zivan, stavano andando in Siria con un cammello con sopra divani, tappeti e probabilmente tutti i loro averi. Abbiamo anche visto un certo numero di residenti a Sindiana e così via in un certo numero di villaggi di cui ho già dimenticato i nomi. A volte arrivavamo a villaggi che sembravano che i residenti li lasciassero pochi giorni prima del nostro arrivo. Abbiamo trovato barattoli con marmellata e alcuni mattoni nelle case. A all’ingresso di ogni casa c’erano pentole predisposte per l’acqua potabile, alcune erano ancora piene.Gli abitanti che soggiornavano nei villaggi erano molto soli.

“Abbiamo sistemato un pezzo di terra che era al centro del consenso in quel momento. La gente ci guardava con ammirazione come i primi coloni. Ci siamo sentiti come dei pionieri. Ci siamo misurati dall’attrezzatura meccanica utilizzata per costruire il percorso di l’inclinazione siriana. E continuava a sostenere che afferrare la terra è ararla. “Il solco è ciò che lega l’uomo alla terra”, diceva

“Ricordo una volta di aver guidato un grande trattore Alice con le catene nell’area del villaggio circasso di Mansoura e di unire gli appezzamenti. La popolazione siriana avrebbe coltivato la terra in piccoli appezzamenti e senza mezzi meccanici, e abbiamo sgomberato le recinzioni che si trovavano tra gli appezzamenti per creare ampi campi adatti al lavoro con i trattori A Mansoura c’era forse una delle ultime famiglie rimaste, e quando mi sono avvicinato a distruggere le recinzioni del suo appezzamento, l’abitante del villaggio è uscito verso di me, è venuto davanti a me con le mani alzate e si fermò davanti a questo mostro. Stava in quel momento davanti all’uomo che si sentiva il più giusto del mondo e vide come tutto il suo piccolo appezzamento di grano era travolto dalle catene del trattore”.

Anche Amnon Assaf, partito subito dopo la guerra per cercare l’amico della pattuglia corazzata, tornò nel Golan poco tempo dopo. Lavorò in una delle due squadre di geometri dell’Autorità per le Antichità che andarono a ispezionare la terra occupata. “Per giorni andavamo di villaggio in villaggio alla ricerca di resti archeologici e segni indicanti antichi insediamenti con costruzione secondaria, cioè pietre prelevate da siti archeologici per costruire le case esistenti. A volte vedevamo impronte umane. A volte vedremmo segni di vita. Stimo che la maggior parte dei cittadini siriani durante questo periodo Coloro che sono rimasti nel Golan si sarebbero nascosti da noi. Stavamo guidando una jeep e loro non avevano idea di chi fossimo e probabilmente avevano paura. Nel villaggio di Suriman, ad esempio, che era un bel villaggio circasso a sud di Quneitra, c’era una moschea molto impressionante. L’abbiamo visitato diverse volte. All’inizio c’erano ancora dei civili, ma dopo un po’ sono scomparsi tutti. Anche a Ramatania ho visto persone sole due mesi dopo la guerra”.

Poche settimane dopo la sua prima visita a Ramatania, Assaf tornò al villaggio e scoprì che era già abbandonato. “Il villaggio sembrava essere stato abbandonato poche ore fa. La maggior parte delle case aveva ancora proprietà, mobili, utensili da cucina, lenzuola, tappeti e oggetti personali delle persone che vivevano lì. Cavalli e mucche vagavano affamati e assetati fuori dal villaggio. C’erano anche molti cani randagi. Era un villaggio relativamente imponente, con una costruzione molto fitta e bellissimi edifici in pietra. Ricordo principalmente che siamo arrivati ad una grande stalla le cui pareti erano tempestate di pietre scolpite e decorate che probabilmente erano state prelevate da un sinagoga distrutta. Mi ci è voluto molto tempo prima che trovassi un modo per fotografarli al buio. Pietre simili venivano usate come cornici delle finestre per le case”.

Ci sono ulteriori testimonianze di israeliani che erano presenti nel Golan nei primi mesi del dopoguerra, e secondo i quali si sarebbero visti residenti anche nei villaggi di Jalabina, Hoshniyeh, Pik, Dabach, El Al, West, Mansoura, Kele e Zaora . “Due mesi dopo la guerra, c’erano ancora contadini che rimasero a lavorare sui loro appezzamenti”, racconta Emanuel (Mano) Shaked, che circa un mese e mezzo dopo la fine dei combattimenti fu nominato comandante di l’altopiano. Durante la guerra vide anche gli abitanti del villaggio fuggire nei campi, e ora il suo compito era quello di evacuare.

“Quando i nostri soldati di lingua araba sono stati mandati a parlare con loro e spiegare loro che devono evacuare i villaggi, non sembrano essere particolarmente arrabbiati o ostili nei nostri confronti”, dice. “Dopo aver chiarito le cose, li abbiamo riuniti in un gruppo. Abbiamo lasciato che portassero alcuni oggetti negli zaini e talvolta li abbiamo persino aiutati con i camion. La maggior parte di loro andava a piedi e alcuni su carri trainati da cavalli. A Quneitra, noi li ha consegnati alla Croce Rossa e alle Nazioni Unite, si sono occupati di spostarli oltre confine verso la parte siriana.

“Ci sono stati casi in cui alcuni hanno protestato e gridato, ma nessuno ha osato resistere e combatterci”, dice Shaked. Ricorda un caso accaduto in uno dei villaggi in cui “alcuni dei vecchi hanno detto che sono nati lì ed è lì che vogliono morire. Uno di loro ha detto che intendeva restare anche se gli fosse costato la vita. Quindi i soldati di lingua araba hanno parlato con loro e li abbiamo convinti. Non mi sono fatto coinvolgere. Oggi potrebbe non essere così bello sentire tutto questo, ma è quello che ricordo”.

Shaked insiste sul fatto che lui e le forze che operavano sotto di lui non hanno deportato un solo cittadino siriano, ma conferma che secondo la direttiva ricevuta dal comando, ogni villaggio che si trovava nel territorio che era sotto il suo controllo era diretto a Quneitra e da lì, in coordinamento con la Croce Rossa o le Nazioni Unite, è stato trasferito in territorio siriano. Decine di questi casi da soli. I portavoce della Croce Rossa affermano che ogni cittadino che è stato trasferito attraverso di loro in territorio siriano dopo la guerra è tenuto a firmare un documento che indichi che lo fa volontariamente. Non sono disposti a fornire i documenti firmati, o i dati che testimonierebbero il numero di persone che attraversano la Siria in queste circostanze, fino a quando non saranno trasferiti 50 anni.

Prevenzione del ritorno

Apparentemente Fatma Katia è stata l’ultima civile ad essere trasferita dalle alture del Golan al territorio siriano. Era una cittadina cieca sulla trentina, che durante la guerra è scappata nei campi e ha perso la strada. Per tre mesi si è nutrita di erba e frutti di un fico, sotto il quale ha trovato ombra, finché non è stata trovata da una pattuglia di soldati dell’IDF. Il corrispondente di “Yediot Ahronot”, Emmanuel Alankwa, ha affermato in una notizia pubblicata il 3 settembre che “fortunatamente è stata trovata anche una piccola sorgente lì, quindi non è morta di sete”. Katia è stata trasferita all’ospedale Furia con un peso di soli 32 kg, dice l’articolo. Poche settimane dopo, dopo essere tornata sull’Etna, è stata trasferita con l’aiuto della Croce Rossa in Siria.

Entro la fine dell’estate del ’67, non c’erano quasi più cittadini siriani in tutte le alture del Golan. Le forze dell’IDF hanno impedito ai residenti di tornare e coloro che sono rimasti nei villaggi sono stati evacuati in Siria tramite intermediari. Il 27 agosto il comandante generale ha emesso un’ordinanza che definisce “abbandonati” 101 villaggi del Golan e vieta l’ingresso nel loro territorio. sparare o entrambe le punizioni”.

Ogni due settimane viene compilato un rapporto che riassume gli affari civili sotto il governo militare nel Golan. Nel riassunto delle ultime due settimane di settembre, ad esempio, c’è scritto che “Durante il periodo in esame, le nostre forze hanno aperto il fuoco 22 volte per espellere pastori e infiltrati che si avvicinavano al nostro avamposto. Nelle operazioni aggiuntive, tre infiltrati siriani e due Gli infiltrati libanesi sono stati catturati, arrestati e presi per essere interrogati”. È importante sottolineare che i rapporti affermano esplicitamente che si trattava di civili disarmati.

Il capo dell’amministrazione ha affermato nel rapporto che “rispetto alle ultime settimane, il numero di infiltrazioni dal territorio siriano è diminuito – questo alla luce della vigilanza delle nostre forze che aprono il fuoco contro infiltrati e pastori in avvicinamento”. Ogni rapporto ha dettagliato alcuni dei casi. Il 27 settembre, “l’osservazione di Golani ha identificato 15 persone nel villaggio di Davakh. Un bruco che è uscito nel villaggio ha sparato loro. Dopo gli spari, sono scappati”. Il 21 del mese, un’imboscata nella zona di Al Hamidiyah ha sparato a tre donne. Sono anche fuggiti dalla scena. Il giorno successivo un altro agguato di Golani aprì il fuoco su due figure. Uno è stato ucciso e l’altro è stato interrogato a Quneitra. Secondo il rapporto, entrambi erano civili disarmati. Il giorno successivo è stato riferito che Outpost 11 ha sparato a due civili disarmati. E due giorni dopo, alle 10 del mattino, Outpost 13 ha sparato a quattro donne e un asino. Si sono riparati dalla sparatoria e alle 12:20 sono stati colpiti di nuovo fino a quando non proviamo

Sette villaggi sono stati scansionati in quelle due settimane. Tutti sono stati trovati abbandonati. Il rapporto afferma inoltre che nello stesso mese è stata ricevuta la richiesta di riportare un cieco e sua moglie a Quneitra. “La richiesta è stata respinta, evitando così un precedente di ritorno dei residenti a Quneitra”. Secondo il rapporto, 24 persone sono state trasferite in territorio siriano dalla Croce Rossa durante quelle due settimane.

Nel rapporto che riassume le prossime due settimane, le prime due settimane di ottobre, vengono menzionati più di 20 episodi di sparatorie per respingere gli infiltrati. Il 7 del mese, un posto nell’area di Jabata a-Hashak ha sparato diversi fasci di caricatori contro un gruppo di circa 25 arabi che stavano lavorando nelle vicinanze, a una distanza di 500 metri. Gli arabi sono fuggiti. L’8 del mese, l’avamposto 10 nella zona di Opania ha sparato tre proiettili contro un gregge di mucche e un pastore disarmato. “Il gregge e il pastore sono fuggiti”.

In quelle due settimane, secondo le scritture, una pattuglia del governo ha perquisito sette villaggi. In uno di loro, Katzrin, è stata trovata una famiglia, un padre e quattro figli oltre a un vecchio paralizzato. Il rapporto afferma che il vecchio è stato trasferito in territorio siriano. Nulla è stato scritto sul destino dei membri della famiglia.

Nelle stesse due settimane, sono state presentate accuse contro 14 residenti del Golan. Sette per entrare nell’area dell’altopiano dal territorio siriano e sette per muoversi nella direzione opposta. Secondo il rapporto dell’esercito, sette persone sono state trasferite in territorio siriano contemporaneamente.

Tutti gli eventi oggetto delle segnalazioni furono banditi dalla censura per la pubblicazione sui giornali dell’epoca. Sono stati trattati in dettaglio solo i casi in cui le forze dell’IDF hanno incontrato civili o combattenti armati. A volte apparivano anche piccole notizie sul lavoro della corte a Quneitra. Il 23 luglio, Yehuda Ariel ha scritto su “Haaretz” che “il tribunale militare delle alture del Golan ha ora iniziato a lavorare a un ritmo più rapido, a causa dei numerosi casi portati dinanzi ad esso … residenti delle alture del Golan che sono stati sorpresi a vagare in i villaggi sono stati mandati nella prigione vicino alla stazione di polizia di Quneitra”. Una settimana dopo, è stato riferito che “due bambini di 12 anni, ognuno dei quali ha parenti nel villaggio druso di Bukatha, sono stati condannati a due mesi e mezzo di carcere per infiltrazione dalla Siria alle alture del Golan presso il tribunale militare di Quneitra. Entrambi i bambini hanno ammesso di essere stati mandati da adulti a infiltrarsi sia con lo scopo di contattare i parenti che per saccheggiare”. Tutti i detenuti del carcere militare di Quneitra sono stati trasferiti in Siria dopo aver scontato la pena.

Nella sintesi della riunione del comitato responsabile degli affari civili nei territori occupati, riunitasi il 3 ottobre presso l’ufficio del ministro della Difesa, è apparso un raro cavillo. “La deportazione avverrà secondo l’ordinanza di prevenzione delle infiltrazioni (e non secondo la ‘legge’ che si applica solo in Israele).” Ma a livello ufficiale, Israele ha continuato a negare qualsiasi evacuazione o deportazione di civili. Nel suo articolo sulla rivista “Life”, Moshe Dayan ha affermato: “Dopo la guerra, la Croce Rossa ha effettivamente chiesto che i residenti potessero tornare nei loro villaggi, ma il governo siriano non ha sostenuto questa affermazione. In ogni caso, non Il governo di Damasco è ed è interessato solo a rinnovare la guerra contro Israele, e al popolo del Golan,

Privo di residenti

La mattina del 9 giugno 1967, il giorno dell’attacco israeliano alle alture del Golan, il capo di stato maggiore Yitzhak Rabin convocò una riunione nell’ala operativa HML. “L’altopiano non ha una popolazione numerosa e deve essere accettato quando è libero da residenti”, ha affermato il maggiore generale Rehavam Ze’evi, vice capo dell’AGM. L’IDF non ha accettato l’altopiano vuoto come voleva Ze’evi, ma si è assicurato che fosse così. 20 anni dopo, in un articolo in cui difendeva la sua dottrina del trasferimento, Ze’evi scrisse in Yedioth Ahronoth: “Il defunto Palmachai David Elazar (Dado) rimosse tutti gli abitanti dei villaggi arabi dalle alture del Golan dopo la Guerra dei Sei Giorni, e lo fece quindi con l’approvazione di Rabin il capo di stato maggiore, il ministro della Difesa Dayan e il primo ministro Eshkol”.

Ora a Ramatania regna un silenzio mortale. Solo gli echi dei proiettili dei carri armati che si addestrano nelle vicinanze a volte si sentono tra le case del villaggio, echeggiano attraverso le mura. Secondo la descrizione di Nadi T, la casa in cui è cresciuto è ancora in piedi, così come il fienile. I tetti vengono distrutti. Erbacce e spine crescono nelle stanze. Il fico che cresceva nel cortile crolla uno dei muri, non c’è traccia della casa sull’albero che Nadi fece costruire in alto, né dell’orto che coltivava con la madre sotto i suoi rami. Anche la primavera è secca e la piscina è distrutta. Non è più possibile assaporare l’acqua.*

Trattamento speciale

I soldati dell’IDF hanno ricevuto istruzioni esplicite di non danneggiare i drusi e i circassi

Durante la guerra, i soldati dell’IDF ricevettero un’esplicita direttiva di non danneggiare i residenti drusi e circassi del Golan. Coloro che non conoscevano la direttiva si sono comportati come gli altri paesani del Golan e la maggior parte di loro ha abbandonato le proprie case fino a quando la rabbia non è passata. E quando si è schiusa, si sono trasferiti a vivere con i loro parenti a Majdal Shams.

A differenza degli altri abitanti del Golan, pochi giorni dopo la guerra furono autorizzati a tornare nei loro villaggi. Quasi tutti i drusi tornarono. Solo a poche centinaia di loro, che all’epoca si trovavano in territorio siriano, non fu permesso di tornare. La maggior parte dei circassi non tornò. Molti di loro erano parenti di militari siriani, che continuarono il servizio militare anche dopo la guerra. I pochi rimasti a Quneitra furono evacuati o lasciati pochi mesi dopo a causa delle dure condizioni di vita loro imposte in città e perché la loro comunità era frammentata e dispersa dopo la guerra.

Secondo l’ufficiale dei servizi segreti Eli HaLhami, il trattamento speciale era “una politica stabilita a causa dell’alleanza di sangue che abbiamo stretto con questi due gruppi etnici, durante la Guerra d’Indipendenza”. Probabilmente c’erano altre considerazioni. Negli archivi del Ministero della Difesa si trovano ancora i piani di Yigal Alon per stabilire lo stato dei drusi nel territorio delle alture del Golan, che secondo la sua visione doveva essere uno stato amico di Israele che avrebbe tagliato tra esso e gli arabi.

L’ultima evacuazione

Ai residenti del villaggio druso di Sakhita fu ordinato di andarsene nel 1970

L’ultimo villaggio siriano rimasto sulle alture del Golan era Sakhita. Nel censimento israeliano condotto nell’agosto 1967, furono contate 32 famiglie, inclusi 173 cittadini, tutti drusi. Tre anni dopo la guerra, l’IDF decise di evacuare i suoi residenti e di distruggere le loro case, data la sua vicinanza alla linea di confine. L’ordine di evacuazione, firmato dal maggiore generale Mordechai Gur, afferma che è stato “fatto per ragioni di necessità militare”.

Ali Salama, 77 anni, originario del villaggio, dice che “Sakhita era un villaggio piccolo e relativamente povero. Le case erano modeste. La maggior parte erano costruite in pietra bianca, che era considerata più economica della pietra di basalto che era comune nei villaggi più grandi. La maggior parte della terra era di proprietà dei contadini che l’hanno ricevuta nell’ambito della riforma agraria del governo siriano. Si trattava di piccoli appezzamenti dove coltivavamo principalmente ciliegie, mandorle e mele”.

Secondo Salama, “Circa un mese dopo la guerra, un ufficiale venne al villaggio, credo provenisse dal governo militare. Riunì tutti gli uomini nella piazza principale del villaggio e annunciò che eravamo sulla linea di confine e perciò non potevamo restare qui. Ci ha promesso che avremmo preso case in paese, un ristorante, una casa per casa Ci hanno offerto case di sfollati che sono fuggiti, ma nessuno ha accettato di accettare una casa del genere. Alla fine, ci hanno dato le case che gli ufficiali dell’esercito siriano avevano lasciato nel villaggio di Restaurant e hanno anche promesso che le nostre case sarebbero state lasciate al loro posto e che in futuro, se la situazione migliorerà, potremo tornare da loro”.

Oggi il paese è in territorio minato ed è impossibile entrarvi o nelle sue terre. I loro proprietari sono costretti ad accontentarsi delle poche piantagioni rimaste fuori dai campi minati ea guardare da lontano i resti delle loro case.

link all’articolo

www.vardhanlezuz.org.il

C. Di seguito è riportato il messaggio, che mando in luoghi diversi:

Per:

Materia: Ricerca di informazioni.

Gentili signore/signori.

Possiedo il blog disable5.com che si occupa di persone con disabilità. Cerco piattaforme e/o siti web dove posso trovare contenuti su persone con disabilità che posso pubblicare sul mio blog – gratuitamente e senza problemi di copyright.

Devo dire che il mio blog è stato costruito sulla piattaforma di wordpress.org e archiviato sui server di server24.co.il

La mia domanda per te è: come posso trovare informazioni su tali siti? Chi può aiutare con questo?

Saluti,

Assaf Benyamini,

Via Costarica 115,

Ingresso A-appartamento 4,

Kiryat Menachem,

Gerusalemme,

ISRAELE, CAP: 9662592.

i miei numeri di telefono: a casa-972-2-6427757. Cellulare-972-58-6784040.

Fax-972-77-2700076.

post scriptum. 1) Dichiaro che vivo con un reddito molto basso – un’indennità di invalidità dell’Istituto nazionale di previdenza. Pertanto, non sono in grado di pagare per un servizio di localizzazione delle informazioni discusse qui. E per di più: vista la gravità della mia situazione, anche sconti molto alti semplicemente non aiutano.

2) Il mio numero ID: 029547403.

3) I miei indirizzi e-mail: 029547403@walla.co.il o: asb783a@gmail.com o: assaf197254@yahoo.co.il o: ass.benyamini@yandex.com o: assafbenyamini@hotmail.com o: assaf002@mail2world.com oppure: assaffff@protonmail.com 

o: beniamini@vk.com oppure: assafbenyamini@163.com 

D. Di seguito è riportata l’e-mail che ho inviato al ministro israeliano Merav Cohen:

La mia lettera all’ufficio del ministro Merav Cohen.

Asaf Benjamin< asaf197254@yahoo.co.il >

Per:

sara@mse.gov.il

Domenica 16 ottobre alle 10:07

A: Ufficio del Ministro Merav Cohen.

Materia: scarpe ortopediche.

Gentili signore/signori.

Recentemente (scrivo queste parole giovedì 13 ottobre 2022) ho dovuto acquistare scarpe ortopediche per un importo di NIS 600 – che è un onere finanziario pesante per una persona come me che vive con un reddito molto basso – un’indennità di invalidità dell’Istituto Nazionale di Previdenza.

La mia domanda a questo proposito è: conoscete qualche fondo di beneficenza, organizzazione no-profit o organizzazione da cui è possibile presentare domanda per il rimborso di tale spesa?

Saluti,

Assaf Benyamini,

Via Costarica 115,

Ingresso A-appartamento 4,

Kiryat Menachem,

Gerusalemme,

ISRAELE, CAP: 9662592.

i miei numeri di telefono: a casa-972-2-6427757. Cellulare-972-58-6784040. Fax-972-77-2700076.

post scriptum. 1) Allego alla mia richiesta un file che include:

I. Una fotocopia della mia carta d’identità.

II. Conferma dell’indennità che ricevo dall’Istituto Nazionale di Previdenza.

III. Fotocopia della ricevuta di acquisto delle calzature ortopediche a cura di.

2) Il mio sito web:https://disability5.com/

3) Il mio numero ID: 029547403.

4) I miei indirizzi e-mail: 029547403@walla.co.il oppure: asb783a@gmail.com oppure: assaf197254@yahoo.co.il oppure: assafbenyamini@hotmail.com oppure: assaf002@mail2world.com

oppure: assaffff@protonmail.com oppure: ass.benyamini@yandex.com oppure: benyamini@vk.com oppure: assafbenyamini@163.com

5) Segnalo che nessun ente, associazione o ufficio governativo a cui mi rivolgo è disposto ad aiutare in questa materia.

Di seguito è riportato un esempio di una delle risposte che ho ricevuto al riguardo:

 

Non possiamo controllare i rimborsi per le scarpe ortopediche

Solo tu scopri questo argomento

Saluti,

Orit Moked SRP

________________________________________

Nascondi messaggio originale

Di: Assaf Binyamini < assaf197254@yahoo.co.il >

Inviato: domenica 16 ottobre 2022 09:42

a: deriso < deriso@sharapplus.co.il >

Argomento: Re: Re: La mia lettera a “sharapplus.co.il”.

 

Non è quello che ho chiesto. Ho già acquistato scarpe ortopediche – e ho chiesto l’idoneità al rimborso delle scarpe già acquistate e non una visita medica.

Domenica 16 ottobre 2022 alle 09:22:18 GMT+3, Moked < moked@sharapplus.co.il > ha scritto:

Ciao

Per quanto riguarda le scarpe ortopediche, dovresti rivolgerti a un medico ortopedico e lui deciderà la questione

Saluti,

Orit Moked SRP

E. Di seguito la breve corrispondenza che ho avuto sulla pagina Facebook dell’attivista sociale italiana FRANCA VIOLA:

Il 10 luglio 2018 ho aderito al movimento Nitgaber dedicato alle persone con disabilità invisibili.

Il nostro impegno è promuovere, ad esempio, i diritti sociali delle persone affette da una disabilità invisibile. Persone come me, che soffrono di disabilità e patologie gravi che non sono immediatamente evidenti agli altri. Questa ridotta visibilità provoca discriminazione, anche rispetto ad altre popolazioni con disabilità.

L’invito ad aderire al movimento è aperto a tutti e per questo è possibile contattare il presidente del movimento nella persona della signora Tatyana Kaduchkin ai seguenti recapiti telefonici:

972-52-3708001 o 972-3-5346644

Dalla domenica al giovedì dalle 11:00 alle 20:00 (ora israeliana) ad eccezione delle festività nazionali ebraiche e israeliane.

assaf benyamini – l’autore della lettera.

Scopri di più:

https://www.nitgaber.com

https://disability5.com

Antonio Lombardi

autore

assaf benyamini Ciao, anche io e mio figlio siamo impegnati in tanti progetti sulla disabilità, soprattutto quelle invisibili, contattami al 3934041051

Antonio Lombardi I

Sono di lingua ebraica e la mia conoscenza di altre lingue è molto limitata. Per questo motivo la mia capacità di spiegare e dettagliare le cose in conversazione è ancora molto problematica (ho contattato un’agenzia di traduzione professionale per scrivere il messaggio che ti ho inviato). In ogni caso, grazie per esserti identificato con gli obiettivi del nostro movimento e per aver voluto prendere parte all’attività e aiutare. Cordiali saluti, Assaf Benyamini.

F. Di seguito è riportata l’e-mail che invio in vari luoghi:

Per:

Materia: strumenti tecnologici.

Gentili signore/signori.

Dal 2007 partecipo alla lotta dei disabili in Israele, una lotta che, come sapete, è ampiamente trattata anche dai media.

Uno dei mezzi con cui cerchiamo di far avanzare la lotta è utilizzare vari strumenti tecnologici: scrivere sui social network, aprire siti web e cercare di promuoverli e migliorarli, gestire comunità virtuali, ecc.

La mia domanda a questo proposito è: è possibile per la vostra azienda o organizzazione offrire strumenti tecnologici che potrebbero aiutarci nella nostra lotta? E se sì, in quali aree e come?

Saluti,

Asaf Binyamin,

Via Costarica 115,

Ingresso A-appartamento 4,

Kiryat Menachem,

Gerusalemme,

ISRAELE, CAP: 9662592.

i miei numeri di telefono: a casa-972-2-6427757. Cellulare-972-58-6784040. fax-972-77-2700076.

post scriptum. 1) Il mio numero ID: 029547403.

2) Il mio sito web:https://disability5.com/

3)Il 10 luglio 2018 mi sono unito a un movimento sociale chiamato “Nitgaber” – disabili trasparenti. Cerchiamo di promuovere i diritti dei disabili trasparenti, ovvero: persone come me che soffrono di problemi di salute e malattie molto gravi che non sono visibili all’esterno – una mancanza di visibilità esterna che provoca nei nostri confronti gravissime discriminazioni.

La direttrice del movimento, che ne è anche la fondatrice, è la signora Tatiana Kaduchkin, ed è raggiungibile al numero di telefono 972-52-3708001.

Orari di risposta telefonica: dalla domenica al giovedì dalle ore 11:00 alle ore 20:00. ISRAELE tempo-ad eccezione delle festività ebraiche o varie festività ISRAELE.

4) Di seguito alcune parole esplicative del nostro movimento, così come sono apparse sulla stampa:

Tatiana Kaduchkin, cittadina comune, ha deciso di fondare il movimento ‘Natgver’ per aiutare coloro che lei chiama i ‘disabili trasparenti’. Finora, circa 500 persone provenienti da tutto il paese di ISRAELE si sono unite al suo movimento. In un’intervista a Yoman di Canale 7, parla del progetto e di quei disabili che non ricevono un’assistenza adeguata e sufficiente dalle agenzie competenti, semplicemente perché trasparenti.

Secondo lei, la popolazione disabile può essere divisa in due gruppi: disabile con sedia a rotelle e disabile senza sedia a rotelle. Definisce il secondo gruppo come “disabili trasparenti” perché, secondo lei, non ricevono gli stessi servizi dei disabili in sedia a rotelle, anche se sono definiti con una disabilità del 75-100 per cento.

Queste persone, spiega, non possono guadagnarsi da vivere da sole e hanno bisogno dell’aiuto dei servizi aggiuntivi a cui hanno diritto le persone disabili con sedia a rotelle. Ad esempio, i disabili trasparenti percepiscono un’indennità di invalidità ridotta dall’Assicurazione nazionale, non percepiscono alcuni supplementi come l’indennità per servizi speciali, l’indennità di accompagnamento, l’indennità di mobilità e ricevono anche un’indennità inferiore dal Ministero dell’Abitazione.

Secondo la ricerca condotta da Kaduchkin, questi disabili trasparenti hanno fame di pane nonostante il tentativo di affermare che nell’Israele del 2016 non ci sono persone affamate di pane. La ricerca che ha condotto afferma anche che il tasso di suicidi tra loro è alto. Nel movimento da lei fondato, lavora per inserire i disabili trasparenti nelle liste di attesa per l’edilizia popolare. Questo perché, secondo lei, di solito non entrano in queste liste anche se dovrebbero essere ammissibili. Tiene parecchi incontri con membri della Knesset e partecipa anche a riunioni e discussioni di commissioni competenti della Knesset, ma secondo lei coloro che possono aiutare non ascoltano e coloro che ascoltano sono all’opposizione e quindi non possono aiuto.

Ora invita sempre più persone disabili “trasparenti” ad unirsi a lei, a contattarla affinché possa aiutarle. A suo avviso, se la situazione continua come è oggi, non ci sarà scampo da una manifestazione di persone disabili che reclameranno i loro diritti e le condizioni di base per il loro sostentamento.

5) I miei indirizzi e-mail: 029547403@walla.co.il e: asb783a@gmail.com e: assaf197254@yahoo.co.il e: ass.benyamini@yandex.com e: assaffff@protonmail.com 

e: assafbenyamini@hotmail.com e: assaf002@mail2world.com e: beniamini@vk.com e: assafbenyamini@163.com 

6) Di seguito alcuni link ai miei profili sui vari social:

 https://soundcloud.com/user-912428455?utm_source=clipboard&utm_medium=text&utm_campaign=social_sharing

https://www.pond5.com?ref=assaf197254749

https://share.socialdm.co/assftt

https://actionnetwork.org/petitions/disabled-people-worldwide?source=direct_link&

https://aff.pays.plus/827f6605-9b3c-433d-b16f-5671a4bba62a?ref=

https://link.protranslate.net/9UCo

https://www.facebook.com/groups/545981860330691/

https://www.youtube.com/channel/UCN4hTSj6nwuQZEcZEvicnmA

https://www.webtalk.co/assaf.benyamini

https://assafcontent.ghost.io/

https://anchor.fm/assaf-benyamini

https://www.youtube.com/watch?v=sDIaII3l8gY

https://www.youtube.com/channel/UCX17EMVKfwYLVJNQN9Qlzrg

https://twitter.com/MPn5ZoSbDwznze

https://www.facebook.com/profile.php?id=100066013470424

G. Di seguito la mia corrispondenza con “Gal Yam Studio”:

Per Assaf – dopo la tua richiesta a Galyam Studio

Martedì 18 ottobre alle 10:47

Vedi i post sul mio sito web come una forma di “vergogna”, tuttavia devi capire 2 cose:

1) Mi è permesso pubblicare sul mio sito quello che voglio – e non devo chiedere a nessuno.

2) Lo Stato di Israele ha portato noi (la comunità trasparente dei disabili) in una situazione in cui non abbiamo altra scelta o opzione.

Le cose ti hanno inimicato? L’antagonismo nei nostri confronti esiste in un modo o nell’altro automaticamente, quindi le tue parole non hanno significato per me.

E con tutto il rispetto, cosa c’è di più importante o significativo: i tuoi sentimenti di antagonismo e quelli di molte altre persone – o disabili che potrebbero finire per strada e lì morire?

E non mi aspetto che tu risponda a questo – e lasci la questione dell’antagonismo, e riassumerò brevemente le cose:

Faccio le cose in questo modo perché non c’è più altra scelta o opzione (dopotutto, cosa ti aspetti che facciamo: non provare a combattere una politica che non permette alle persone di rimanere in vita?).

Saluti,

Assaf Benyamini.

post scriptum. Sottolineerò che non intendo nemmeno mantenere segreta la nostra corrispondenza – dopotutto, non c’è niente di segreto qui. Pubblicherò ciò che è necessario secondo il mio giudizio.

Martedì 18 ottobre 2022 alle 10:34:09GMT +3, Gal Yam Studio < naor@galyam-studio.co.il > Scritto da:

Nascondi messaggio originale

Ciao Assaf,

Vedo che citi nel tuo sito una corrispondenza con aziende da cui cerchi aiuto, il che mi ha reso automaticamente antagonista,

Questo non è in linea con i nostri valori e lo vedo come “vergogna” a tutti gli effetti (e se un’azienda non è interessata a fornirti un servizio gratuitamente, informi l’azienda come una corretta informativa che pubblicherai la corrispondenza di fronte a tutti gli interessati?)

Mi aspetto che la mia corrispondenza con te non venga pubblicata e rimanga solo tra me e te!

Per quanto riguarda la tua domanda, come pensavi, sì, il nostro servizio costa denaro.

Siamo un team di circa 10 dipendenti che hanno bisogno di guadagnarsi da vivere con questi servizi, dato che è un’organizzazione senza scopo di lucro sono ovviamente disposto a fare uno sconto ma purtroppo non posso sovvenzionarli.

Saluti,

Nour Gal Yam | Amministratore delegato

amministratore delegato | Naor Gal Yam

www.galyam-studio.co.il

Benvenuti a guardare i clienti consigliare

 

Martedì 18 ottobre 2022 alle 10:22 da Assaf Binyamini <‪assaf197254@yahoo.co.il >:‬

Potrebbe essere praticamente rilevante per il mio sito disable5.com che affronta il tema delle persone con disabilità.

Ma qui c’è un problema: presumo che questo sia un servizio a pagamento. Premetto che non mi lamento di questo – a quanto pare ci si guadagna da vivere – e ovviamente va benissimo. Ma a causa del mio basso reddito (vivo con un’indennità di invalidità dell’Istituto nazionale di previdenza) non posso permettermi di pagarla. Ci sono molti membri nel nostro movimento la cui situazione economica è molto peggiore della mia – è assolutamente chiaro che le persone che sono costrette a decidere quotidianamente tra l’acquisto di generi alimentari di base e l’acquisto di medicinali essenziali e rischiano persino di essere buttato in strada per impossibilità di pagare l’affitto non potrà pagare i servizi di grafica.

Saluti,

Assaf Benyamini.

Martedì 18 ottobre 2022 alle 10:13:09 GMT+3, Gal Yam Studio< naor@galyam-studio.co.il > Scritto da:

Sappiamo fornire servizi di grafica e design, caratterizzazione e sviluppo di siti web e landing page e promozione organica per siti web.

Uno dei servizi che ti ho scritto è rilevante per te?

Grazie

Saluti,

Nour Gal Yam | Amministratore delegato

amministratore delegato | Naor Gal Yam

www.galyam-studio.co.il

Benvenuti a guardare i clienti consigliare

 

Martedì 18 ottobre 2022 alle 10:10 da Assaf Binyamini <‪assaf197254@yahoo.co.il >:‬

Partecipo alla lotta dei disabili in Israele dal 2007. Dal 10 luglio 2018 faccio parte del movimento “Natagver” – le persone disabili trasparenti.

Vi chiedo se siete in grado di offrirci strumenti tecnologici che possano aiutarci.

Ovviamente la domanda è generale e non specifica.

Saluti,

Assaf Benyamini.

post scriptum. La direttrice del nostro movimento è la signora Tatiana Kadochkin, e

i suoi numeri di telefono sono: 972-52-3708001. e: 972-3-5346644.

Risponde al telefono domenica-giovedì dalle 11:00 alle 20:00.

Parla russo ad un livello molto alto di madrelingua, ma anche ebraico.

Martedì 18 ottobre 2022 alle 10:01:40GMT+3, Gal Yam Studio< naor@galyam-studio.co.il > Scritto da:

Ciao Assaf,

Mi chiamo Naor da un quaderno Galyam Studio, ci hai contattato per “strumenti tecnologici” attraverso il nostro sito web.

Hai scritto molto nella tua email, ma non riuscivo a capire come possiamo aiutarti?

Ti sarei grato se potessi essere preciso nella tua richiesta/necessità

grazie e buona giornata

Saluti,

Nour Gal Yam | Amministratore delegato

amministratore delegato | Naor Gal Yam

www.galyam-studio.co.il

Benvenuti a guardare i clienti consigliare

 

assaf benyamini< assaf197254@yahoo.co.il >

Per:

Gal Yam Studio

Martedì 18 ottobre alle 10:50

E in conclusione: non potrò unirmi al tuo servizio – non posso pagare.

Penso che riassuma le cose.

Saluti,

Assaf Benyamini.

‫Martedì 18 ottobre 2022 alle 10:01:40GMT+3, Gal Yam Studio< naor@galyam-studio.co.il > Scritto da:‬

Ciao Assaf,

Mi chiamo Naor da un notebookGalyamStudio, ci hai contattato per “strumenti tecnologici” attraverso il nostro sito web.

Hai scritto molto nella tua email, ma non riuscivo a capire come possiamo aiutarti?

Ti sarei grato se potessi essere preciso nella tua richiesta/necessità

grazie e buona giornata

Saluti,

Nour Gal Yam | Amministratore delegato

amministratore delegato | Naor Gal Yam

www.galyam-studio.co.il

Benvenuti a guardare i clienti consigliare

H. Di seguito il post, che ho caricato sul social network Facebook martedì 18 ottobre 2022:

Come sapete, in questi giorni continua la guerra tra Russia e Ucraina. La scorsa settimana, il presidente della Russia, Vladimir Putin, ha emesso un’istruzione/ordine per un’ampia operazione di reclutamento tra cittadini russi. Tuttavia, molti cittadini russi si oppongono alla guerra e cercano di trovare un modo per non essere mandati al fronte – molti cercano di fuggire dal paese, e si scopre che c’è un fenomeno diffuso di cui si sente molto meno parlare in ISRAELE: I cittadini russi che scelgono di mutilarsi e diventare disabili – e questo per non essere arruolati nell’esercito e non prendere parte alle atrocità che stanno causando in questi giorni sono l’esercito russo. Questo è ciò che ha letto su Internet in lingua russa (gran parte dei social network sono bloccati lì per ordine delle autorità – ma parte di Internet funziona,

Preciso che non conosco il russo (e ho anche avuto la traduzione russa della frase “come rompere una mano” da Google Translate e ovviamente non l’ho tradotta io) – e tutti i post in russo che metto sul social network vk.com sono testi relativi alla lotta dei disabili che ho ottenuto da società di traduzione.

Ad ogni modo, quando ho digitato nella barra di ricerca web vk.com la frase

Как сломать руку-come rompere una mano Ho ottenuto molti risultati.

In alcune delle comunità che raggiungo invk.com Dopo aver inserito questa frase di ricerca ho già iniziato a lasciare messaggi.

Questa è un’altra linea d’azione (un po’ disturbata e storta…) che ho trovato.

Chiunque voglia attaccarmi per questo è il benvenuto – non mi interessa davvero.

I. Di seguito il post, che ho caricato sulla pagina Facebook “Computers for Free Donation”:

Assaf Benyamini

A: “Computer a donazione gratuita”.

Oggetto: Ispezione dell’attrezzatura.

Gentili signore/signori.

Circa sei mesi fa ho acquistato un computer portatile pcdeal.co.il.

Recentemente (scrivo queste parole il 21 ottobre 2022) il mio computer ha avuto diversi malfunzionamenti che si verificano casualmente: uno schermo nero che compare all’improvviso, un computer che si blocca improvvisamente e tasti della tastiera che all’improvviso non rispondono.

L’azienda da cui ho acquistato il computer (azienda pcdeal.co.il) si trova nella regione settentrionale – e dal momento che vivo a Gerusalemme, apparentemente portando loro il computer, testando l’attrezzatura in laboratorio, quindi restituendo l’attrezzatura e reinstallarlo al mio posto sarà un processo molto macchinoso che richiederà molto tempo (e quindi probabilmente non sarà possibile – e sebbene ci sia una garanzia per tutta l’attrezzatura) – e questo perché ci sono due difficoltà aggiuntive qui:

1) Non ho un’auto o la patente di guida, quindi non ho la possibilità di portare loro il computer da solo. A causa della mia disabilità fisica, delle mie difficoltà economiche nonché della notevole distanza geografica, non è possibile portare l’attrezzatura in azienda anche in taxi.

2) A causa della mia disabilità fisica, non sono in grado di imballare l’attrezzatura a casa da solo in un cartone prima di trasferirla al laboratorio. Esattamente per lo stesso motivo, non posso occuparmi di reinstallare il computer dopo che è tornato dal test.

Pertanto, sto cercando una società attiva nell’area di Gerusalemme, dalla quale è possibile ottenere questo servizio.

Mi è perfettamente chiaro che la garanzia sul computer non sarà rilevante in un caso del genere – tuttavia, poiché la capacità di lavorare con un computer è una cosa essenziale di questi tempi, non posso permettermi un periodo prolungato di diverse settimane o forse anche più in cui non avrò accesso a un computer (questo è l’unico computer che ho a casa – e nella mia situazione non posso permettermi di acquistare un altro computer). E c’è un altro problema/difficoltà: vivo con un reddito molto basso: un’indennità di invalidità dell’Istituto nazionale di previdenza. Pertanto, non posso acquistare un nuovo computer al posto del computer che ho ora, che presenta tutti i difetti che ho descritto. E per di più: vista la gravità della mia situazione,

Quale pensi possa essere la soluzione in un caso del genere?

Saluti,

Asaf Binyamin,

Via Costarica 115,

Ingresso A-appartamento 4,

Kiryat Menachem,

Gerusalemme, CAP: 9662592.

i miei numeri di telefono: a casa-972-2-6427757. Cellulare-972-58-6784040.

Fax-972-77-2700076.

post scriptum. 1) Il mio numero ID: 029547403.

2) I miei indirizzi e-mail: asb783a@gmail.com oppure: ass.benyamini@yandex.com oppure: assaf002@mail2world.com oppure: assafbenyamini@hotmail.com oppure: assaffff@protonmail.com oppure: benyamini@vk.com oppure: assafbenyamini@163.com

J. Di seguito la mia corrispondenza dal gruppo Facebook”Asia4:Traduzioni e aggiornamenti dal mondo asiaticoDa domenica 23 ottobre 2022 alle 7:20:

attivo,

Assaf benyamini ha condiviso il Gruppo.

 

Minuto uno

A: “Asia4:Traduzioni e aggiornamenti dal mondo asiatico”.

Possiedo il blog disable5.com-blog multilingue nelle lingue: uzbeko, ucraino, urdu, azero, italiano, indonesiano, islandese, albanese, amarico, inglese, estone, armeno, bulgaro, bosniaco, birmano, bielorusso, bengalese, basco, georgiano , tedesco, danese, olandese, ungherese, hindi, vietnamita, tagico, turco, turkmeno, telugu, tamil, greco, yiddish, giapponese, lettone, lituano, mongolo, malese, maltese, macedone, norvegese, nepalese, swahili, singalese, cinese , sloveno, slovacco, spagnolo, serbo, ebraico, arabo, pashto, polacco, portoghese, filippino, finlandese, persiano, ceco, francese, coreano, kazako, catalano, kirghiso, croato, rumeno, russo, svedese e tailandese.

Poiché questo è il caso, come accennato nel blog multilingue, faccio molto uso di servizi di traduzione automatica come Google Translate – e anche servizi di traduzione automatica di altri motori di ricerca come i servizi di traduzione automatica di bing.com, la traduzione automatica servizi di yandex.com nonché i servizi di traduzione automatica di microsoft.com

Ho notato che in tutti questi servizi di traduzione, e senza eccezioni, le traduzioni in o dal turkmeno sono le traduzioni in cui ci sono sempre più errori rispetto alle traduzioni in o da qualsiasi altra lingua (e ovviamente questo non deve essere confuso con le traduzioni in turco – Il turco e il turkmeno sono due lingue diverse dopotutto…).

Quali pensi che potrebbero essere le spiegazioni per questo?

In ogni caso, sottolineo che non conosco il turkmeno (nemmeno una sola parola) – e sottolineo anche che non sono un programmatore di computer e non so nulla del meccanismo degli algoritmi dei servizi di traduzione automatica .

Saluti,

Assaf Benyamini.

Tamar Shai-Chordekar.

Hmmm non ho capito.. Come fai a sapere che ci sono errori in turkmeno (turco?) se non conosci la lingua?

Per quanto ne so.. i traduttori sui siti web non traducono dalla lingua di partenza ma dall’inglese..

Ma non è chiaro cosa volevi esattamente chiedere/dire?

Piace

Rispondere

5 ore

Assaf Benyamini

autore

Tamar Shai-Chordekar. Ci sono molti problemi nella traduzione in turkmeno, non nella traduzione in turco. La traduzione in turco funziona bene nei sistemi di traduzione automatica (per quanto ne so turco e turkmeno sono due lingue diverse – e puoi sicuramente correggermi se sbaglio qui – mi piacerebbe saperlo). Non conosco la lingua – tuttavia, poiché i testi che traduco nelle traduzioni automatiche sono relativamente molto lunghi (contengono diverse decine di migliaia di parole) ci sono cose che si possono notare anche senza conoscere la lingua, ad esempio: i miei dati personali che vengono omessi e non compaiono nelle traduzioni, i miei indirizzi e-mail che vengono visualizzati in modo errato (in fondo dovrebbero essere visualizzati così come sono in qualsiasi lingua, ad esempio: il mio indirizzo e-mail asb783a@gmail.comdovrebbe essere visualizzato in questo modo in qualsiasi lingua). E sollevo la seguente domanda: perché proprio nelle traduzioni in turkmeno o dal turkmeno ci sono così tanti errori, e più delle traduzioni da qualsiasi o qualsiasi altra lingua – mi chiedo quale possa essere la ragione di ciò. E un’altra cosa che si può notare anche senza conoscere la lingua: nei sistemi di traduzione automatica molto spesso quando si tenta di tradurre dal turkmeno in altre lingue o da qualsiasi lingua in turkmeno ricevi molto spesso un messaggio di errore e il sistema non esegue il operazione – e questo non accade così spesso rispetto a qualsiasi lingua Altro. Mi chiedo quale possa essere il motivo per cui proprio nelle traduzioni in o dal turkmeno, il sistema visualizza così tanti messaggi di errore, omette così tanti dettagli che dovrebbero apparire esattamente gli stessi in qualsiasi lingua. Certo, poiché non conosco la lingua, non ho la capacità di controllare le cose oltre a quella. Cordiali saluti, Assaf Benyamini.

Piace

Rispondere

1 sottile’

attivo

Assaf Benyamini

Tamar Shai-Chordekar. Nei sistemi di traduzione automatica, le traduzioni non sono sempre dall’inglese e possono tradurre da qualsiasi lingua a qualsiasi lingua, in base alle preferenze degli utenti.

Tamar Shai-Chordekar.

Assaf Benyamini. Haha beh non sapevo che esistesse una lingua turkmena e il Dr. Google ha confermato che esiste..

Non sono una traduttrice donna, ma quando voglio tradurre in cinese, preferisco tradurre dall’inglese al cinese piuttosto che dall’ebraico al cinese.. Forse questo è il primo passo che dovresti fare.

In secondo luogo, Google non può sostituire (nemmeno) carne e sangue chi comprende la lingua, quindi quando traduci in così tante lingue è in termini di “ne hai presi troppi, non li hai presi”.. Suggerirei di investire in un inglese traduzione, coloro che vogliono leggere il blog si sforzeranno di tradurre se stessi su Google.. quando lo fai Da solo sembra poco professionale, ovviamente a mio parere personale.

Assaf Benyamini

Tamar Shai-Chordekar. Non so se hai davvero notato il contenuto delle mie parole. Non traduco, non lavoro per una società di traduzioni – e non è affatto di questo che si tratta. Pongo una domanda riguardante lo strano comportamento dei traduttori automatici (del loro algoritmo o software) che proprio nelle traduzioni in turkmeno o dal turkmeno hanno difficoltà a dare risultati e danno messaggi di errore molto più delle traduzioni in qualsiasi altra lingua. Se non conosci la risposta, è ovviamente legittimo – nessuno sa tutto… Comunque, il tuo “lol” mi sembra molto fuori luogo. Esiste infatti una lingua turkmeno (di un paese chiamato Turkmenistan, che, come sappiamo, faceva parte dell’Unione Sovietica fino all’inizio degli anni ’90). Dal momento che non conosco né turkmeno né turco, non lo so Non so se queste due lingue sono lingue simili o meno. Ho semplicemente sollevato una domanda riguardante lo strano comportamento dei servizi di traduzione automatica quando si tratta di turkmeno – e nient’altro. E puoi sicuramente rinunciare al “lol” – di certo non stavo cercando di raccontare una barzelletta – e la domanda in sé è una domanda seria e non una barzelletta. Saluti,

Tamar Shai-Chordekar. E sono completamente d’accordo con te sul fatto che i servizi di traduzione automatica non possono davvero sostituire il traduttore umano, specialmente quando si tratta di testi molto lunghi che traduco. Sono costretto a rinunciare ai servizi di traduttori umani per un motivo completamente diverso: il mio basso reddito e la mia incapacità di pagare. Sono pienamente consapevole che in questo modo ottengo un risultato decisamente meno buono – ma, come accennato, la mia difficile situazione finanziaria semplicemente non mi consente di fare altro.

E perché hai scritto “Ahahah beh non sapevo che esistesse una lingua turkmeno e il dottor Google ha confermato che c’era…” – davvero non lo sapevi? Come qualcuno che si occupa della traduzione delle lingue asiatiche? Dubito fortemente se non lo sai – probabilmente l’hai scritto Come nota cinica, la lingua turkmeno è una delle lingue più importanti nei paesi dell’ex Unione Sovietica, quindi trovo difficile credere che coloro che sono specializzati in tradurre le lingue asiatiche proprio non sa che una lingua del genere esiste.. In ogni caso mi sembra molto strano…

Sharon Melamed

Direttore

Gruppo esperto nel campo della televisione e del cinema [CTX].

+3

Non ho capito lo scopo del post, e come si collega a questo?

Piace

Sharon Melamed. Quindi sottolineerò (di nuovo) che qui faccio una domanda sui servizi di traduzione automatica, e quale pensi possa essere la spiegazione del fatto che le traduzioni da o verso il turkmeno hanno così tanti problemi e difetti – più delle traduzioni da qualsiasi o qualsiasi altra lingua. Sottolineerò (di nuovo) che non traduco, e non lavoro per una società di traduzioni, e l’unico scopo del post è di sollevare la questione del comportamento sconcertante delle traduzioni automatiche in relazione alla lingua turkmena.

Sharon Melamed

Direttore

Gruppo esperto nel campo della televisione e del cinema [CTX].

+3

Dal momento che nessuno qui traduce dal turkmeno, dubito che tu possa trovare una risposta a questo. Questo non è il gruppo giusto.

Sharon Melamed. Qual è il gruppo giusto?

Sharon Melamed

Direttore

Gruppo esperto nel campo della televisione e del cinema [CTX].

+3

Cerca qualcosa sui traduttori turchi

Sharon Melamed. Il turco non è turkmeno: sono due lingue diverse. Nelle traduzioni da o verso il turco, i traduttori automatici funzionano correttamente e non ci sono tanti errori come nelle traduzioni da o verso il turkmeno.

K. Di seguito è riportato il messaggio, che ho inviato in vari luoghi:

Per:

Materia: Permalink.

Gentili signore/signori.

Sono proprietario del blog disable5.com – un blog che affronta il tema delle persone con disabilità, costruito sul sistema wordpress.org – e archiviato sui server di server24.co.il

Ogni post sul mio blog ha un link che porta ad esso, che è il permalink.

Sto cercando un software, o un sistema su Internet attraverso il quale posso distribuire tutti i miei Permalink il più ampiamente possibile su Internet.

Conoscete tali sistemi o software?

Saluti,

Assaf Benyamini,

Via Costarica 115,

Ingresso A-appartamento 4,

Kiryat Menachem,

Gerusalemme,

Israele, CAP: 9662592.

Numeri di telefono: a casa-972-2-6427757. cellulare-972-58-6784040. fax-972-77-2700076.

post scriptum. 1) Il mio numero ID: 029547403.

2) I permalink del blog disability5.com:

 

Elenco numerato:

https://docs.google.com/document/d/1hCnam0KZJESe2UwqMRQ53lex2LUVh6Fw3AAo8p65ZQs/edit?usp=sharing

 

o:

https://dev-list-in-the-net.pantheonsite.io/2022/10/10/Permalinks-of-post…om-list-numbered/‎

 

Elenco non numerato:

https://docs.google.com/document/d/1PaRj3gK31vFquacgUA61Qw0KSIqMfUOMhMgh5v4pw5w/edit?usp=sharing

 

o:

https://dev-list-in-the-net.pantheonsite.io/2022/10/09/Permalinks-your-Fuss…-disability5-com/‎

 

2) I miei indirizzi e-mail: 029547403@walla.co.il o: asb783a@gmail.com o: assaf197254@yahoo.co.il oppure: ass.benyamini@yandex.com

o: assafbenyamini@hotmail.com o: assaf002@mail2world.com o: assaffff@protonmail.com o: beniamini@vk.com oppure: assafbenyamini@163.com

L. Di seguito il messaggio di posta elettronica che ho inviato al comitato “Sal Shikum” del Distretto di Gerusalemme del Ministero della Salute:

E penso che sarebbe molto più corretto trattare i problemi stessi in modo pratico – e non respingere la necessità di testare o correggere le carenze che ho indicato solo perché sono definito mentalmente sfidato.

Non ho dubbi che se lo stesso contenuto ti fosse stato inviato esattamente da un professionista – un assistente sociale, uno psicologo, ecc., lo avresti trattato in modo concreto e serio – tuttavia ti permetti farla franca quando la persona che solleva le carenze è emotivamente danneggiata.

Mi dispiace molto che questa sia la condotta – e sono molto arrabbiato per questo.

Naturalmente, un sistema che viene eseguito in questo modo non guadagnerà mai alcuna fiducia, almeno non per me.

Saluti,

Asaf Benjamin.

Asaf Benjamin< asaf197254@yahoo.co.il >

A: “Sal Shikum”, Gerusalemme.

Lunedì 24 ottobre alle 11:07

Un’indagine approfondita è già da molti anni condotta da me in tutti gli argomenti in cui ti ho affrontato – e senza eccezioni.

Se fosse davvero possibile ottenere risposte ragionevoli in uno qualsiasi degli argomenti in cui mi rivolgo, in effetti non mi rivolgerei affatto a te in primo luogo.

Saluti,

Assaf Benyamini.

 

Lunedì 24 ottobre 2022 alle 10:38:49 GMT+3, “Sal Shikum”, Gerusalemme < jershikum@moh.health.gov.il > Scritto da:

  

29 a Tishrei, 2018

24 ottobre 2022

Riferimento: 959424822

in onore di

Signor Assaf Benyamini

 

Materia: La tua domanda all’ufficio legale

 

È stata inoltrata una richiesta in merito alla tua domanda all’ufficio legale in cui ti lamenti che non è possibile contattare il team della comunità di supporto di “Avivit”.

Sembra che ci sia un problema temporaneo con l’e-mail del luogo, ma puoi contattarli in qualsiasi altro modo. Inoltre, poiché ricevi 3 visite di squadra a settimana, puoi anche ottenere aiuto dalla squadra che viene a casa tua.

Capisco che sei impegnato con molti problemi, ma è difficile rispondere alle molte richieste che giungono da te al nostro ufficio e ti sarei grato se potessi condurre un’indagine più approfondita prima di rivolgerti a varie e numerose parti con una frequenza così alta.

Saluti,

Michele Cohen

Direttore della riabilitazione psichiatrica

Distretto di Gerusalemme.

 

Copia: Ufficio Legale, Ministero della Salute

Avvocato Sharona Ever Hadani, consulente legale

Sig.ra Bat Sheva Cohen, coordinatrice delle indagini pubbliche, p. Psichiatra distrettuale

La signora Shira Bigon, Coordinatrice delle indagini pubbliche, Sal Shikum

M. Di seguito è riportato il messaggio che ho inviato in vari luoghi:

Per:

Materia: periodi di prova.

Gentili signore/signori.

Dal 2007 partecipo alla lotta dei disabili in Israele – e dal 10 luglio 2018 lo faccio come parte del movimento “Nitgaber” – disabili trasparenti a cui ho aderito.

Tuttavia, quando si tratta di diffondere i nostri messaggi su Internet e sui social network, incontriamo una difficoltà molto significativa: molti di noi sono costretti a decidere quotidianamente tra l’acquisto di generi alimentari di base e l’acquisto di medicinali – e in queste condizioni è chiaro che non abbiamo, né saremo in grado di avere budget per la pubblicità nel prossimo futuro.

Ho pensato di cercare di aggirare questa difficoltà unendo sistemi pubblicitari di software che sono in fase di sviluppo, e quindi durante il periodo di prova in cui non si è sicuri se il sistema funziona davvero o meno, inoltre non addebitiamo alcun canone per usandolo.

Quindi la mia domanda è: conosci un sito o un sistema in rete, dove puoi trovare un elenco ordinato di tali siti?

Saluti,

Asaf Binyamin,

Via Costarica 115,

Ingresso A-appartamento 4,

Kiryat Menachem,

Gerusalemme,

ISRAELE, CAP: 9662592.

Numeri di telefono: a casa-972-2-6427757. cellulare-972-58-6784040. fax-972-77-2700076.

post scriptum. 1) Il mio numero ID: 029547403.

2) I miei indirizzi e-mail: 029547403@walla.co.il e: asb783a@gmail.com e: assaf197254@yahoo.co.il e: ass.benyamini@yandex.com e: assaf002@mail2world.com e: assafbenyamini@hotmail.com e: assaffff@protonmail.com e:assafbenyamini@163.com e: benyamini@vk.com

3) Il mio sito web: disable5.com

N. Di seguito il messaggio che ho inviato all’assistente sociale che mi accompagnava negli alloggi protetti martedì 25 ottobre 2022 alle 20:09:

Yahoo

/

spedito

Assaf Benjamin < assaf197254@yahoo.co.il >

Per:

sarahstora26@gmail.com

Lunedì 24 ottobre alle 16:47

Ciao Sara:

Nell’ultima visita domiciliare svoltasi ieri, abbiamo discusso di nuovo della possibilità di ricovero in una casa psichiatrica – e questo nel tentativo di risolvere il problema del mancato follow-up dei farmaci psichiatrici che sto assumendo. Come ho spiegato, il fondo generale di assicurazione sanitaria di cui faccio parte non ha un sussidio – e i costi del ricovero in una tale casa oggi sono tali che non posso pagare in nessun caso. Inoltre, passare a un altrohorganizzazione di mantenimento della saluteè fuori questione per me: se mi sposto in un altrohorganizzazione di mantenimento della salute, tutti i soldi che ho pagato per l’assicurazione per l’assistenza a lungo termine presso Clalithorganizzazione di mantenimento della salute(che si chiama “Clalit Mushlam”) da quando ho aderito a questo programma il 1 febbraio 1998 andrà in malora e non conterà per me- E se mi unisco a un fondo sanitario, dovrò iniziare tutte le cure a lungo termine assicurazione fin dall’inizio. Al momento ho 50 anni e, naturalmente, a un’età simile riprendere l’assicurazione per l’assistenza a lungo termine e rinunciare a più di 24 anni in cui ho pagato per l’assicurazione per l’assistenza a lungo termine in cui mi trovo non vale la pena. In termini professionali degli economisti (non sono né un economista né un esperto di economia – conosco questo termine completamente per caso) si chiama “

Ho pensato di provare e magari trovare una soluzione da un’altra direzione: c’è un’associazione chiamata “The Group Association”. Professionisti come assistenti sociali, psicologi, psichiatri o altri settori dell’assistenza medica possono presentare domanda a questa associazione per il finanziamento di cure mediche non incluse nel paniere sanitario.

È importante capire che il ricovero in casa psichiatrica non è incluso nel paniere sanitario nella stragrande maggioranza dei casi – e oggi non posso permettermi di pagare questo servizio privatamente. Questo vale anche nel mio caso. Certo, questo comportamento dello Stato d’Israele è molto poco redditizio anche da un punto di vista prettamente economico, poiché quando le persone vengono ricoverate in ospedale per situazioni di progressivo abbandono, i costi saranno molto più alti – ma questa è la realtà, che non possiamo modificare.

“L’associazione del gruppo” accetta richieste di assistenza solo da parte del personale medico e mai da pazienti direttamente – e per questo motivo tutte le mie precedenti richieste a loro non sono state esaminate o riviste.

Potete contattare l’associazione del gruppo per assistenza in questa materia?

Saluti,

assaf benyamini-abitante dell’alloggio protetto dell’ostello “Avivit”.

post scriptum. 1) Il mio numero ID: 029547403.

2) Link al sito web del “gruppo associazione”:https://hakvutza.org/

3) Nella nostra conversazione hai chiesto se il mio sito web è online. Bene, il mio sito web su invalid5.com è decisamente online.

4) Ti invio il messaggio qui su WhatsApp poiché il messaggio che ho provato a inviare all’indirizzo e-mail sarahstora26@gmail.com è tornato a me e non è stato recapitato a destinazione, ovvero: a te. Ho provato a inviare questo messaggio dal mio indirizzo e-mail assaf197254@yahoo.co.il

O. Di seguito la mia corrispondenza dal social network LinkedIn:

per scrivere questa lettera.

Meshulam Gotlieb ha inviato i seguenti messaggi alle 16:24

Visualizza il profilo di Meshulam

 

Meshulam Gotlieb 16:24

Sebbene apprezzi molto il tuo lavoro, lo Stato di Israele ha già abbastanza problemi nell’arena internazionale, rivolgersi a giornalisti stranieri per mandare in onda i nostri panni sporchi non fa che rafforzare le mani degli odiatori di Israele.modificato)

Spero che riconsidererai e continuerai l’ardua lotta all’interno dei confini del paese

OGGI

Assaf Benyamini ha inviato i seguenti messaggi alle 10:33

Visualizza il profilo di Assaf

 

Assaf Benyamini 10:33

Come ho già spiegato, ho già cercato di condurre la lotta all’interno dei confini del paese per molti, molti anni – e poiché nessuna autorità o ufficio governativo è disposto ad aiutare, e dato che lo Stato di Israele insiste da molti anni dopo aver lasciato le persone disabili nella mia situazione senza alcun indirizzo rilevante su molte questioni, in realtà non ho scelta o opzione rimasta Altro. Per questi motivi respingo fermamente la tua recensione, e credo che contenga anche un grandissimo grado di ipocrisia: del resto, se tu fossi in questa situazione, faresti esattamente lo stesso anche tu (se non molto peggio e più palese di così )… ma perché vorresti pensare a questo? Dopotutto, non Non riguarda te e non ha nulla a che fare con te – e in effetti non ha nulla a che fare con nessuno – e finché questa politica continuerà continuerò a contattare quanti più luoghi possibile. In questa materia non accetterò ordini – non mi dirai chi contattare e chi non contattare!! Cordiali saluti, Asaf Binyamini.

P. Di seguito l’e-mail che ho inviato alla regista Tali Ohion:

 

Asaf Benjamin< asaf197254@yahoo.co.il >

A: Tali Ohaion.

Venerdì 28 ottobre alle 23:02

Ciao alla signora Tali Ohion:

Dalla nostra corrispondenza sul social network Facebook di un giorno o due fa, ho capito che ti ha contattato telefonicamente un giornalista al quale ho contattato tramite il social network LinkedIn.

Dopo la nostra conversazione ho cercato di capire chi fosse quel giornalista (ho un numero molto elevato di contatti sul social network LinkedIn) – e quando ti ho inviato il messaggio su Facebook stavi guidando e per ragioni del tutto comprensibili non sei riuscito a controllalo in quel momento.

Ho visto che il messaggio ti è stato inviato su Facebook da una giornalista di nome Heather Hale: è lei? E se no, potresti dirmi chi è il giornalista che ti ha contattato?

Saluti,

Assaf Benyamini.

Q. Di seguito il messaggio che ho inviato alla giornalista americana Heather Hale tramite il social network LinkedIn:

Heather Hale

Collegamento di 2° grado

  • 2nd

Scrittore di film e TV, regista, produttore presso Heather Hale Productions

OGGI

Assaf Benyamini ha inviato i seguenti messaggi alle 21:56

Visualizza il profilo di Assaf

 

Assaf Benyamini 21:56

la mia lettera a Heather Hale.

Di recente ti ho scritto sui problemi delle persone disabili. Dopo aver chiamato Tali Ohaion, una regista israeliana molto professionale e di talento, mi ha scritto che forse vuoi avere un’intervista con me.

Ad ogni modo puoi inviarmi un’e-mail a assaf197254@yahoo.co.il

Sono di lingua ebraica e a volte ho difficoltà con l’inglese, ma mi impegnerò molto perché la questione delle persone disabili è molto importante per me.

Quindi sentiti libero di chiamarmi o inviarmi un’e-mail in qualsiasi momento.

Assaf Benyamini.

R. Ecco alcuni dei miei link:

Il movimento sta arrivando ai banchieri

preparandogli quale Breeze

Tali Ohaion – regista israeliana di grande talento

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *